Monthly Archives: aprile 2017

Joanna e le uscite con Adriana Lima

Had to post this,last night with the champ @joannajedrzejczyk 🍣🍣Wasabi competition 😱 🦄

Un post condiviso da Adriana Lima (@adrianalima) in data:

Joanna Jedrzejczyk in vista di UFC 211, dove difenderà il titolo dei pesi paglia contro Jessica Andrade si è concessa una serata all’insegna del sushi con un’amica speciale: Adriana Lima.
La modella brasiliana, icona di Victoria’s Secret, ha una passione per la kickboxing e su Instagram a volte mostra post in cui si allena intensamente, e forse proprio così è diventata amica con la campionessa polacca

Anthony Joshua vs Wladimir Klitschko ultimo round

Per chi non l’avesse ancora visto, l’ultimo round di Anthony Joshua vs Wladimir Klitschko, incontro valevole per la cintura dei pesi massimi andato in scena ieri a Wembley. Da notare il gran cuore del quarantunenne ucraino messo giù ben due volte ma mai domo.

Nick Diaz appena diciottenne fa vedere quanto vale a Chris Lytle

Nick Diaz è da sempre uno degli atleti più amati della UFC e non solo per il suo modo di combattere sempre molto aggressivo, ma anche per i suoi modi “eccentrici” di vivere. Il più grande dei Diaz è passato atraverso una giovinezza non facile e trovò in Cesar Gracie e nel BJJ un punto di riferimento ed un punto di partenza per una vita all’insegna delle arti marziali miste. Vi proponiamo un video di uno dei suoi primi combattimenti, quando era appena diciottenne, contro Chris Lytle. Il talento e le potenzialità di Nick si vedevano già chiaramente.

Jimi Manuwa : UFC a Wembley l’anno prossimo

Novantamila persone ieri a Wembley, per vedere il match di pugilato fra Anthony Joshua e Wladimir Klitschko. Lo spettacolo è stato enorme e la cornice di pubblico pazzesca. Jimi Manuwa colpito da quanto successo ieri lancia un messaggio o un’idea o comunque la si voglia chiamare:
“Immaginate un card UFC a Wembley! Io la vedo una cosa realizzabile l’anno prossimo”.
Questo il post su Twitter di Manuwa. Voi cosa ne pensate? Sarà in grado la UFC di crescere e dar vita ad uno spettacolo simile già nel prossimo anno?

Canelo vs Chavez Jr. sabato 6 maggio garantirà lo stesso spettacolo di Joshua vs Klitschko?

Ancora abbiamo negli occhi lo splendido match di boxe andato in scena poche ore fa fra Anthony Joshua e Wladimir Klitschko valevole per il titolo dei pesi massimi. Come ben sapete questo sito tratta principalmente di MMA ma , per fortuna, abbiamo tanti amici che ci danno una mano anche nel seguire altri sport da combattimento e quindi, ci è stato fatto presente che sabato 6 maggio andrà in scena un altro match titolato di pugilato. Stiamo parlando di Canelo vs Chavez Jr. e, a detta di molti , si tratta di uno degli incontri più attesi dell’anno dagli amanti di pugilato. Vi proponiamo il video promo dell’evento e vi consigliamo vivamente di non perdervelo.

Nick Diaz e gli allenamenti con Van Damme

Nick Diaz su TMZ Sports parla degli allenamenti con uno dei suoi idoli: Jean Claude Van Damme.

“Allenarsi con Van Damme è un sogno che si realizza. Da piccolo vedevo i suoi film e cercavo di imitarlo. Mi piaceva soprattutto quando tirava i calci agli alberi. Lui è stato una fonte di ispirazione per me e i miei allenamenti. Quando vedevo come si allenava nel film “Kickboxer” immaginavo che il modo migliore per allenarsi fosse quello e cerco di farlo ancora adesso”

 

Joshua batte Klitschko

Anthony Joshua batte Wladimir Klitschko per TKO all’undicesima ripresa.
Match bellissimo con Klitschko che a 41 anni è andato vicinissimo alla vittoria.

Holly Holm crede in una nuova chance titolata

Holly Holm sta sicuramente attraversando il periodo più brutto della propria carriera a seguito delle tre sconfitte patite negli ultimi tre match ma, tramite MMA Hour ha confessato di essere fiduciosa per il suo futuro :” Mi sento assolutamente competitiva e so di essere nei top quindi prima o poi arriverà un’altra chance titolata. Continuo ad allenarmi come prima con lo stesso impegno e la stessa voglia di divertirmi. Non ho voglia di essere stressata e quindi continuerò a divertirmi fin quando farò questo sport. Voglio mettere le sconfitte da parte e far tesoro di quello che ho imparato da esse. Prenderò tutto quello che ho appreso e lo renderò un vero e proprio arsenale”.

Mike Perry e Al Iaquinta se ne dicono di tutti i colori su Twitter

Che battibecco via twitter fra Al Iaquinta e Mike Perry.

Perry : Iaquinta, ti lamenti un sacco per essere uno che ha battuto Masvidal… scontrati con me a 170 libbre.

Al Iaquinta : dici a Ibrahim Kawa di farmi firmare.

Perry : Fai qualcosa per combattere contro di me. Il tuo compagno di stanza dice che non vuoi avere niente a che fare con le 170 libbre.

Al Iaquinta : Dici alla tua fidanzata di nome Dana White di programmare questo incontro così posso metterti KO.

Perry : Dana fammi schiacciare questo brocco. Parla troppo.

Al Iaquinta : Non rimanere in ginocchio rialzati, sei imbarazzante.

E dopo un pò di tempo senza alcuna risposta da parte di White ancora

Al Iaquinta : Dana White risponde anche alle uova su Twitter ma non a Mike Perry … tristezza!

Ricordiamo che Dana White premiando Perry e non Al Iaquinta con il fight of the night nell’ultimo evento UFC innescò una sentita polemica da parte dello stesso Al Iaquinta

Stasera ci sarà Anthony Joshua vs Wladimir Klitschko, ma ve lo ricordate Joshua vs Cammarelle?

Stasera, come ben saprete, andrà in scena l’incontro di pugilato valevole per il titolo dei pesi massimi, fra Anthony Joshua e Wladimir Klitschko (canale 205 piattaforma sky ore 23.00). Sappiamo che questo articolo esce un pò dal mondo delle MMA (nonostante stiamo parlando di uno sport da combattimento) ma comunque ci teniamo a scrivervi di questo match soprattutto per riproporvi con orgoglio l’incontro olimpico fra Joshua ed il nostro Roberto Cammarelle valevole per l’oro. A nostro parere, ed anche a parere di molti, il buon Roberto stravinse quell’incortro ma ,ahì noi, si combattè in quel di Londra e la vittoria andò a Joshua. Fatto sta che noi siam fieri di poter dire che Cammarele è stato l’ultimo ad aver “battuto” Anthony Joshua.

Pearl Gonzalez ritorna sul caso “seno rifatto”

All’inizio di questo mese, al weigh-in pre-evento di UFC 210, la fighter UFC Pearl Gonzalez è stata informata che non avrebbe potuto combattere l’indomani, a causa delle sue protesi mammarie. Subito questa notizia si è sparsa tra gli addetti ai lavori e gli appassionati, facendo supporre che l’incontro sarebbe clamorosamente saltato. Alla fine il presidente di UFC Dana White ha informato i fan tramite i social media che la questione era rientrata dopo una telefonata con il medico di Pearl, e la Gonzalez avrebbe potuto fare il suo debutto in UFC la notte successiva.
Purtroppo per lei, quando è entrata nell’Ottagono contro la imbattuta Cynthia Calvillo, è stata sconfitta al terzo round per sottomissione.

Ora però, durante un’intervista a MMAFighting, Gonzalez si è aperta circa la sua situazione emotiva e su come l’accaduto abbia influenzato il suo stato mentale durante l’incontro.
“Penso che mentalmente questa situazione mi abbia portato al di fuori dei miei binari, e il percorso che devo compiere è sempre quello che porta lla vittoria”, ha detto Gonzalez, “non che ciò rappresenti una scusa, ma era troppo per me perchè potessi far finta di nulla”.
“Hanno fatto tutti i controlli del caso prima di puntarmi la pistola contro?” Dice Gonzalez. “No, ma arrivati alla fine non c’era nient’altro che potessero fare. Non li biasimo”.
Quanto a ciò che Gonzalez avrebbe potuto fare per evitare questo inconveniente, ha ammesso che non avrebbe dovuto emozionarsi tanto, comunicando in lacrime alla sua squadra ed in pubblico che non poteva essere in grado di combattere con le protesi.

“Pensavo di aver fatto il meglio per quello che era nelle mie possibilità per evitare questa situazione. Ma oggi mi rendo conto dopo l’esito dell’incontro che avrei potuto fare molto di più per rimanere concentrata ed arrivare all’appuntamento con la testa sgombra e la mentalità giusta”.

Mark Hunt non ha apprezzato la riproduzione del suo “seno”

Nei giorni scorsi ha destato abbastanza scalpore la riproduzione di Mark Hunt in forma di statuina/giocattolo da parta di una nota azienda giapponese. Lo scalpore è dovuto alle “forme anatomiche” molto particolari della suddetta statuina. Infatti l’azienda giapponese ha provato a riprodurre esattamente le fattezze di Hunt dando al giocattolo un seno di proporzioni enormi e fornendolo anche di un non piccolo pene. A giudicare dal post su instagram di Super Samoan, il fighter non è rimasto proprio contento di questa riproduzione : Perchè mi avete fatto questo uomo con seno e con il pisello da fuori…bleee..perchè l’avete fatto. Mei Wen Ti, cosa ti ha fatto così bastardo.

Il coach di Ronda Rousey : Non credo tornerà

Justin Flores, coach di judo di Ronda Rousey, intervistato da Submission Radio ha parlato della sua allieva : ” Non so se tornerà. Parlo con lei molto spesso ma non di MMA. So che è molto impegnata ma davvero non so quali siano le sue intenzioni. Di sicuro le auguro il meglio. Personalmente l’ho sempre supportata e onestamente non penso sia il caso di continuare. Tutto ciò che ha fatto Ronda nella vita l’ha fatto sempre per essere la migliore e, sia mentalmente che fisicamente, si preparava per esserlo. Ora non credo che sia pronta di nuovo a mettere tutta se stessa nelle MMA. Rousey fa arti marziali da quando aveva otto anni e io so quali sacrifici ha dovuto fare per arivare dove è. Le ossa rotte, le pene mentali, il taglio peso, credo che ne abbia abbastanza. Ora come ora lei vorrebbe vivere una vita tranquilla, crescere un figlio ed essere felice con Travis Browne, questo è tutto ciò che le interessa”.

Conor McGregor e la Harley a Gunnar Nelson

Conor McGregor inizia la giornata con pensieri nostalgici e si fa venire in mente quando regalò una semplice Harley Davidson al suo compagno di allenamenti Gunnar Nelson. A giudicare dalle foto sembra proprio che Gunni abbia apprezzato!

Throwback to that time I surprised @gunninelson with his very own brand spanking new Harley Davidson hahahah

Un post condiviso da Conor McGregor Official (@thenotoriousmma) in data:

Johny Hendricks vuole “ritirare” GSP di nuovo

Johny Hendricks è intervenuto a “Submission Radio” per parlare di un possibile re-match contro il rientrante GSP.

“Non vedo l’ora di incontrarlo e distruggergli la faccia di nuovo. Fossi in lui verrei a cercare questa sfida per tutto  quello che c’è stato tre anni fa. Lui non combatte da allora ma le cose in UFC sono cambiate, lo sport è cambiato. Ora combatto a 185 libbre. Lui mi ha affrontato a 170 libbre ed è andato in difficoltà, immagina cosa può succedere ora che non devo preoccuparmi del taglio di peso, aspetta che abbia un assaggio di quello che posso fare a 185, quando sono totalmente concentrato su quello che ho già fatto contro di lui, ma che ora posso fare meglio.”

Storie di MMA: Carlos Condit e la sfida con Nick Diaz

Il Joe Rogan Experience è sempre fonte di fantastici aneddoti. Quando Carlos Condit è stato suo ospite ha raccontato di come si sia preparato per la sfida con Nick Diaz.

“Ho visto tanti fighter andare contro Nick Diaz, cercando di metterlo ko per poi finire senza fiato e perdere. Non puoi mettere ko quel tizio, è troppo tosto. Gli ho visto prendere un gancio sinistro da Paul Daley, restare disorientato per un po’ e poi distruggere Daley.”

“Siccome era così difficile da affrontare ho fatto una cosa che non avevo mai fatto prima, usare un approccio più calcolatore, per poi aprirmi. Io che prendo sempre rischi e subisco danni ho dovuto abituarmi ed essere calcolatore”

Poi parla di come si è preparato alla sfida con lui mentalmente, grazie al suo compagno di team Donald “Cowboy” Cerrone: “Molto della strategia di Nick Diaz sta nel farti perdere la pazienza e farti combattere arrabbiato. Io personalmente sono cresciuto in un ambiente duro, il trash talking non mi tocca più di tanto ma devi essere preparato. Ricordo che io e Cowboy (Cerrone) avremmo dovuto affrontare i fratelli Diaz a poche settimane di distanza e per prepararci cominciammo una routine di sparring particolare. Ci alternavamo come se fossimo i fratelli Diaz, ci mettevamo in guardia southpaw e dicevamo le cose peggiori l’uno all’altro in perfetto stile Diaz, come “Stockton motherf***er! I just slapped you b**ch!” e cercavamo di emularli. Perchè quello che vogliono è sempre arrivare ad uno scontro a pugni come se fossimo nel parcheggio della scuola”

Alla fine la strategia è valsa a Condit la vittoria su Nick Diaz, mentre a Cowboy è andata male contro Nate Diaz.

Conor McGregor : Conoscere una sola disciplina marziale è inutile

Conor McGregor tramite instagram dice la sua sulle MMA e su quanto sia insufficiente conoscere un’unica disciplina marziale:

Non cambierò molto quando combatterò sotto le regole famose, ma molto limitate, di Queensbury. Nessuna mancanza di rispetto per i combattenti di una disciplina, che sia boxe di calci o di grappling , sappiate semplicemente che la comprensione di uno stile di combattimento non è sufficiente. Stai mentendo a te stesso se pensi che sia sufficienete. Saresti facilmente battuto in una vera lotta. Una lotta senza regole per proteggerti. In una lotta diretta, non avresti abbastanza strumenti per rimanere vivo. Come il grande Bruce Lee disse una volta: “Quando si parla di combattere lo si fa senza regole, come se si fosse dei bambini , quindi è meglio allenare ogni parte del tuo corpo”.

Myself and @sbgcharlestown have been working together on unrestricted, unarmed fighting, since we are kids. Not much will change when I fight under the famed, yet very limited, Queensbury rules. No disrespect to single discipline fighters, from boxing to kicking to grappling, just know that understanding one style of fighting is simply not enough. You are lying to yourself. You are easily dismantled in a true fight. A fight with no rules to protect you. In a straight fight, you do not possess enough tools to keep you alive. You will be dismantled and killed. Like the late, great Bruce Lee once said: "When you are talking about fighting, as it is, with no rules, well then baby, you'd better train every part of your body"

Un post condiviso da Conor McGregor Official (@thenotoriousmma) in data:

Vitor Belfort vs Nate Marquard, UFC212 Rio de Janeiro

Finalmente è stato annunciato l’avversario di Vitor Belfort. Sarà Nate Marquard ad affrontare il brasiliano a UFC212 Rio de Janeiro il 3 Giugno. Ricordiamo che questo sarà l’ultimo incontro per Belfort.

McGregor vs Floyd in stallo

Stephen Espinoza, vice presidente esecutivo di Showtime Sports, ha recentemente parlato con Chris Mannix sui negoziati per la superfight e dalla sua prospettiva non è sembrato così ottimista.

“La più grande problematica per Mayweather-Pacquiao era se entrambi volessero fare il match”, ha detto Espinoza. “Quella parte è accaduta [con McGregor e Mayweather], quindi penso che la vera domanda – ed è una sorta di rebus adesso – è dove davvero si colloca la UFC su questo? Lo vogliono? Dana – parlando per conto della UFC – dice di essere più che aperto alla discussione, ma parlare è parlare. Non ho visto molti progressi né internamente nell’affare tra i due fighter o esternamente, l’accordo tra le due leghe.”

“È in gran parte in fermo. Non ci sono stati un sacco di progressi e penso che se non si muovano rapidamente, anche perchè la gente va avanti. Le persone possono stancarsi di questo discorso. Ma è davvero qualcosa che deve avvenire quest’anno o probabilmente non accadrà. Floyd è a 18 mesi, due anni pieni a settembre, da quando ha combattuto. Sembra ancora in grande forma, ma ad un certo punto, non lo sarà più. “

Showtime è stata la “casa” di ogni pay-per-view di Mayweather  da quando ha firmato con loro nel 2013. Ad un certo punto McGregor e l’UFC dovranno negoziare i termini con Showtime per trovare l’accordo con Mayweather.

“Penso che la UFC abbia in parte paura che non vedranno mai più Conor. Se fa 50, 60, 70 milioni di ingaggio poi rischieranno di non vederlo mai più sul ring e si ritirerà in Irlanda, e perderebbero la loro superstar”.

Glover Teixeira : Jimi Manuwa non è un top fighter

Glover Teixeira (via mmafighting.com): ” Jimi Manuwa non è in grado di lottare per la cintura. Non è in grado di battere nessuno dei top five. Credo che Jimi deve battere un top fighter prima di pensare a lottare per la cintura, o forse anche due o tre fra i migliori. Jimi Manuwa è laggiù, a mio parere.”