Monthly Archives: luglio 2017

CM Punk torna nell’ottagono?

Duke Roufus, allenatore di fighter del calibro di Pettis e Woodley, ha da poco condiviso un post su instagram che ha risvegliato le fantasie dei fan della ex star WWE CM Punk.

Punk ha perso il suo unico incontro di MMA tenutosi ad UFC 203 lo scorso settembre. Anche se mostrò un bel pò di cuore, fu sottomesso molto rapidamente dal fighter Mickey Gall.

Da allora, i fan si sono domandati se Punk sarebbe tornato di nuovo a combattere nella UFC.
Bene, questa mattina Roufus ha lasciato un bel suggerimento in tal senso. In un post su Instagram ,che ha evidenziato gli imponenti record del suo team nel 2017 , Roufus ha suggerito che Punk combatterà contro un avversario da annunciare quest’anno.

Ecco il post del coach di CM Punk e staremo a vedere se questa news avrà presto riscontri positivi.

I am such a firm believer in #team Together Everyone Achieves More! Every year I strive to get better as a coach and build a great team culture. I am so proud of all of our team, staff and students. We Are Having Fun Getting It Done! I have the pleasure of being a part the team of current @ufc Welterweight Champion #tyronwoodley @twooodley former #ufc and #wec Champion #anthonypettis @showtimepettis Top Flyweight Contender #sergiopettis @sergiopettis #bellator Featherweight Contender #emanuelsanchez @matadorsanchez former #wwe Champion #cmpunk @cmpunk my longtime team member #erikkoch @kocheadufc rising KO Artist #paulfelder @felderpaul surging Welterweight #belalmuhammad @bullyb170 Bellator Middleweight #mikerhodes @teamrocbiggie and Middleweight Submission specialist #geraldmeerschaert @the_gm3 as members of our @roufusport team collectively they are 13-3, 9-2 in the UFC in 2-1 Bellator so far this year! The best has yet to come #roufusport #MartialArts is #Life thanks for the past & future memories. #onelove

Un post condiviso da Duke Roufus (@dukeroufus) in data:

Woodley attacca Bisping per la fight con GSP

Tyron Woodley è stato interpellato al termine del match con Demian Maia riguardo al mancato match con GSP che è tornnato in corsa per il titolo dei Pesi Medi:

“Io penso che questa decisione spetti a George, vorrei sapere cosa ne pensa. Ma poi fatemi capire, a Bisping si è staccato il ginocchio?! sta fermo da una vita per questo infortunio al ginocchio e c’è un interim title in ballo. Whittaker ha battuto Romero dopo un gran match ed ha ottenuto questa opportunità. Credo che prima di una superfight debba difendere il titolo contro il n.1 contender comeho fatto io contro Thompson. Credete fosse una sfida facile? Contro lui o Maia?! Per quanto mi riguarda già so che internet impazzirebbe per un match tra me e Nick Diaz o GSP, ma dicono che devo affrontare prima altri fighter. Dal mio punto di vista non ha importanza perchè chiunque porteranno lo batterò e batterò anche il successivo. Poi so che daranno sempre più credito a Condit, MacDonald, Lawler, Paul Daley e mai al campione, ma questa è la mia vita da sempre.”

Volkan Oezdemir anche ad UFC 214 ha stupito il mondo delle MMA

La card UFC 214 ormai è alle spalle e le emozioni che questo evento ci ha regalato sono state innumerevoli.
La sorpresa assoluta della serata sicuramente è stata il KO fulmineo di Volkan Oezdemir ai danni di Jimi Manuwa.
Il fighter svizzero sta stupendo tutto il mondo delle MMA e con tre vittorie in altrettanti incontri (2 per KO) con avversari di rilievo assoluto (Saint Preux , Cirkunov e appunto Manuwa) si è guadagnato l’attenzione di tutti all’interno della promotion.
Lo stesso Dana White nel post fight non si è trattenuto e si è detto “sconvolto” da quanto sta facendo Volkan. A questo punto ci aspettiamo tutti un match up contro Gustafsson o contro Cormier prima di arrivare ad una chance titolata.
In attesa di news riguardanti Oezdemir vi riproponiamo il KO fulmineo della scorsa notte.

Daniel Cormier , le sue prime dichiarazioni a freddo

Dopo le lacrime e le parole tirate fuori a forza da Joe Rogan arrivano le dichiarazioni a freddo dell’ormai ex campione Daniel Cormier:

“Innanzitutto, grazie a tutti per le gentili parole. Ho sentito il sostegno. Congratulazioni a Jon Jones e alla sua squadra. Hanno fatto un lavoro fenomenale e hanno ottenuto la vittoria. Inoltre, a Big John McCarthy, vorrei chiedere scusa per aver reagito con te. Sono grato per il tempo che mi hai dato per cercare di difendermi e rimanere nella lotta. Tu sei il migliore arbitro del mondo per una ragione. Voglio anche ringraziare la mia squadra e i miei allenatori. Vi amo tutti dal profondo del mio cuore. Il vostro tempo e la vostra energia sono molto apprezzate. Avete fatto un lavoro meraviglioso, ero pronto. È sta una lotta tosta e le cose sono andate come sono andate. Dana White e UFC, grazie per essere la prima organizzazione in tutte le MMA. Ancora una volta, congratulazioni con Team Jones e a JacksonWink. Vi amo tutti. Ci vediamo presto. DC”.

 

 

First off, thank you all for the kind words. I have felt the support. Congratulations to Jon Jones and his team. They did a phenomenal job and got the victory. Also, to Big John McCarthy, I would like to apologize for acting up with you. I am thankful for the time you gave me to try and defend myself and stay in the fight. You are the best in the business for a reason. I also wanna thank my team and my coaches. I love you all from the bottom of my heart. Your time and energy is greatly appreciated. You guys did a wonderful job, I was ready. It's a fist fight and things happen. Dana White and the @ufc, thank you for being the premiere organization in all of MMA. Again, congrats to Team Jones and JacksonWink. Love you all. I'll see you soon. DC 📷@layziethesavage

Un post condiviso da Daniel "DC" Cormier (@dc_mma) in data:

Grandi borse per grandi eventi: i salari di UFC 214

La notte di sabato, nel main event di UFC 214, Daniel Cormier ha tentato di difendere il titolo dei pesi mediomassimi UFC di fronte a Jon Jones, il suo rivale più acerrimo e l’unico uomo che lo aveva sconfitto in precedenza. Purtroppo le cose non sono andate come Cormier aveva progettato, avendo Jones chiuso la contesa al terzo round con un head-kick seguito da un micidiale ground-and-pound.
Anche se il campione di Lafayette non può più rivendicare il titolo UFC, tornerà a casa con una borsa considerevole. Secondo un rapporto di MMAFighting.com infatti, l’ex campione si porta a casa l’enorme borsa di 1.000.000 di dollari per la sua sconfitta contro Jon Jones. Con questo incredibile payout, Cormier entra a far parte insieme a Conor McGregor, Nate Diaz, Brock Lesnar e Ronda Rousey nella ristretta cerchia dei cinque fighter che hanno sfondato il muro del milione per il singolo incontro. Jones, nel frattempo, ha avuto una borsa di $ 500.000. Come Cormier, è possibile che riceverà inoltre una parte degli introiti PPV.
Nel co-main event Tyron Woodley ha preso $ 500.000 per la sua vittoria su Demian Maia. Il quale, nel frattempo, ha preso 110.000 dollari, che sarebbero raddoppiati in caso di vittoria.
Nel primo dei tre incontri di UFC 214, il nuovo campione dei pesi piuma femminili UFC Cris “Cyborg” Justino ha preso una borsa di 200.000 dollari. Evinger, invece, ha totalizzato $ 100.000, e avrebbe guadagnato altri $ 100.000 se avesse sconfitto Cyborg.
All’inizio della card, Robbie Lawler ha raccolto $ 300,000 per la sua vittoria per decisione unanime su Donald Cerrone (200.000 dollari per l’incontro, 100.000 dollari per la vittoria). Cowboy, invece, ha guadagnato 155.000 dollari.
Nel primo incontro della main card, infine, Volkan Oezdemir ha guadagnato 110.000 dollari per il suo impressionante KO su Jimi Manuwa (80.000 dollari per la lotta, 30.000 dollari di bonus vittoria). Manuwa, invece, ha guadagnato 120.000 dollari, e avrebbe potuto raddoppiare il cash con una vittoria.

Joe Rogan: Chiedo scusa a Cormier, sono mortificato

Joe Rogan mortificato dalle sue stesse azioni, chiede scusa a DC per l’intervista post match:

“Mi scuso con D.C. e con tutti gli altri, sono sconvolto per averlo intervistato dopo il match. Ero realmente sconvolto e non credo di aver capito cosa stavo facendo finché non ho avuto il microfono in mano e stavo parlando con lui.
In passato dissi che non volevo intervistare i combattenti dopo che erano stati mandati KO e poi l’ho fatto con qualcuno che mi sta a cuore. Tutta colpa mia e nessuno mi ha spinto a farlo.
Mi sono commiserato tutta la notte, e ogni volta che succede qualcosa di simile è sempre mia sincera intenzione di scusarmi e di esprimere i miei sentimenti onestamente.
Non succederà più”.

UFC 214: Cerrone vs Lawler full fight

L’evento del week end non ha deluso le aspettative e la fight che entusiasmava i puristi dello sport è stata davvero all’altezza della fama di due fighter coinvolti. Un ottimo avvio i Robbie Lawler, ma nella ripresa è uscito alla lunga Donald Cowboy Cerrone. Se non avete visto ancora niente tenetevi forte.

Jones e Cormier a fine gara hanno dimostrato di essere due grandi “uomini”

Jon Jones e Daniel Cormier se le sono date di santa ragione non c’è che dire ma ieri, a fine match, è successa una cosa che ha scioccato in molti.
Tutti conosciamo la rivalità che negli anni è intercorsa fra i due e non esageriamo nel definirla una delle più “violente” mai esistite in UFC.
Ebbe ieri con la cintura di nuovo in vita, queste sono state le parole di un signorile Jon Jones:

“È stato il mio avversario perfetto, è stato un grande campione ed è un grandissimo padre di famiglia”.

Al che un Cormier in lacrime ha così replicato:

“Non lo so, ho pensato che la lotta stava andando bene, non so nemmeno cosa sia successo. Sono stato sorpreso dal calcio in testa. Oh, è così deludente. Penso che se ha vinto entrambi i match allora non c’è rivalità, è il più forte”.

Davvero , davvero complimenti a tutti e due i fighter.

Cormier vs Jones full fight: UFC 214

Vi proponiamo il Match integrale tra Jones e Cormier.

UFC 214: Le pagelle

E’ stato, probabilmente, uno dei migliori eventi mai organizzati dall’allegra banda Dana White. Noi ce lo siamo gustato tutto, e allora oggi che è festa facciamo pagelle più lunghe. Andiamo a dare i numeri:

Jon Jones 9: Irriconoscibile. Non tanto per la prova di forza, che lo proietta nuovamente nell’Olimpo di questo sport, quanto per la maturità ed il rispetto dimostrato verso Cormier nel dopo-gara. Entra nella gabbia come un rettile, e da tale porta a casa un incontro difficilissimo: attende con pazienza, porta qualche colpo nei primi due round, poi piazza gli artigli su Cormier in modo implacabile, alla prima scopertura. Il leg-kick che precede il ground-and-pound finale gli vale il bonus impressione artistica della serata (ma solo perchè l’arbitro del match di Cyborg non è in gara). Ora, lui chiama Lesnar, ma non sarebbe più giusto dare un’altra chance a Gustafsson? Varano

Daniel Cormier 7: Il voto deve essere necessariamente alto perchè questo era uno scontro tra titani. E lo stava pure gestendo bene, dato che probabilmente, prima della debacle, i colpi più potenti li aveva portati lui. Si sbilancia un attimo, espone il viso a sinistra e da lì parte tutto, Jones lo castiga. Il suo record MMA dice 19-2, e le due uniche sconfitte sono contro “Bones”: al termine dell’incontro è inconsolabile. Pierrot

Tyron Woodley 6,5: Conserva il titolo, ma si becca una giusta tirata d’orecchie da Dana White. E’ vero che stai incontrando un avversario il cui unico scopo è fare il takedown, ma è pure vero che un campione del mondo deve prendersi i suoi rischi e mostrare superiorità sull’avversario, magari concretizzandola con un bel KO. Niente di tutto questo: fa il compitino, ma si perde probabilmente GSP. Ragioniere

Demian Maia 5: C’è da restare perplessi. E’ un grandissimo campione, ma il fatto che fosse il numero uno degli sfidanti attestandosi come fighter “monotematico” (è quello che ha decretato l’incontro) la dice lunga sull’effettivo tasso tecnico della divisione rispetto ad altre, molto più piene di talento e spettacolarità. Masvidal si era fatto infinocchiare e su di lui ha avuto buon gioco; contro il campione del mondo però serviva qualcosa in più. Limitato

Tonya Evinger 4: L’incontro, in sintesi, è come una gara tra una Mini minor e una Lamborghini: non può esserci partita. Cyborg è di un’altra categoria, e UFC dal canto suo dovrebbe riflettere se sia il caso di organizzare un incontro valido per il titolo con tale disparità tecnica. Lei ne è cosciente, infatti dopo la gara dichiara: “Ho combattuto come una fighetta, niente scuse”. Appunto. Ma poi UFC questa divisione la vuole davvero? Euro 0

Cris Justino 7,5: Campionessa del mondo della divisione piuma. Ok, ora viene il bello. Ha dimostrato superiorità tecnica e fisica, ma le avversarie a cui dovrebbe puntare sono di ben altro spessore; adesso bisognerà vedere come si mette, perchè GdR ha già detto e ribadito più volte di non volerla incontrare per nessun motivo. The new queen

Lawler e Cerrone 7+: Se le sono date di santa ragione, dando vita ad un incontro bellissimo. Verdetto molto contestato, ma giusto se si considera che Cerrone si è dimostrato superiore all’avversario solo nella seconda ripresa. Incredibile la quantità di colpi incassati da “Cowboy” quasi senza colpo ferire. Un ottimo spot per le MMA. Bravi, Bis

Volkan Oezdemir 8: Adesso, “Posterboy” Manuwa non è che sia mingherlino; lui però lo scaraventa a terra dopo 42 secondi come se stesse stendendo un lenzuolo. Ha dato una prova di grande forza, e adesso è a tutti gli effetti a pochi passi dal titolo: potrebbe incontrare Gustafsson o Cormier, poi Jones gli spetterebbe di diritto. Caterpillar

Jimi Manuwa 5-: Manco il tempo di cominciare a sentirsi in gara, Oezdemir lo demolisce con una serie impressionante. Tre sconfitte negli ultimi cinque incontri, potrebbe essere iniziato il suo declino. Più che Posterboy, Stampato

Jones chiama e Lesnar risponde, superfight vicina?

Jon Jones non vuole fermarsi. Subito dopo aver ottenuto la vittoria e riconquistato la cintura dei pesi massimo leggeri, il neo campione ha subito chiamato Brock Lesnar:

“Brock Lesnar, se vuoi scoprire cosa si prova a farsi rompere il culo da uno che pesa 40 libbre meno di te, vieni ad incontrarmi nell’octagon”

Lesnar non si è fatto attendere nella risposta, replicando:

“Attento a cosa desideri giovanotto”

A questo punto non ci resta che capire cosa vorrà fare Dana White in proposito.

White: Dopo quello che ho visto stasera daró GSP a Bisping e non a Woodley

Dopo l’ ennesima scialba prestazione di Woodley(nonostante la vittoria) Dana White ha dichiarato quanto segue:

“Chiedete agli appassionati se vogliono vedere Woodley di nuovo combattere. Penso che risponderebbero no. Chi vuole pagare per vedere Tyron Woodley combattere ancora?
Ha un fisico esemplare assoluto è il ragazzo avrebbe potuto finire quel match in qualsiasi momento ma ,non voleva prendere i rischi.
Non prendi rischi, non ottieni premi.
Perché so che Michael Bisping combatterà. Michael Bisping entrerà nell’ottagono e combatterà. Quindi sì, daró GSP a lui”.

UFC 214: i risultati

Main Card
Mediomassimi Jon Jones batte Daniel Cormier (c) KO (head kick e pugni) 3 3:01
Welter Tyron Woodley (c) batte Demian Maia Decisione (unanime) (50-45, 49-46, 49-46) 5 5:00
Donne Piuma Cristiane Justino batte Tonya Evinger TKO (ginocchiate) 3 1:56
Welter Robbie Lawler batte Donald Cerrone Decisione (unanime) (29-28, 29-28, 29-28) 3 5:00
Mediomassimi Volkan Oezdemir batte Jimi Manuwa KO (pugni) 1 0:42

Preliminary Card (FXX)
Piuma Ricardo Lamas batte Jason Knight TKO (pugni) 1 4:34
Catchweight (140 lbs) Aljamain Sterling batte Renan Barão Decisione (unanime) (29-28, 29-27, 30-26) 3 5:00
Piuma Brian Ortega batte Renato Moicano Sottomissione (ghigliottina) 3 2:59
Piuma Calvin Kattar batte Andre Fili Decisione (unanime) (30-27, 30-27, 30-27) 3 5:00

Preliminary Card (UFC Fight Pass)
Donne Paglia Aleksandra Albu batte Kailin Curran Decisione (unanime) (29-28, 29-28, 29-28) 3 5:00
Mosca Jarred Brooks batte Eric Shelton Decisione (split) (29-28, 28-29, 29-28) 3 5:00
Leggeri Drew Dober batte Josh Burkman KO (pugno) 1 3:04

Road to UFC 214: Episode 6

Nell’ultimo episodio della serie andiamo a vedere il backstage del weigh in dei vari fighter. Jon Jones e Cerrone che scherzano nella hall dell’hotel, e Jones che porta la figlia nell’octagon.
E si chiude con il faccia a faccia tra DC e Jones

Woodley : Batterò Maia!

Mancano sempre meno ore ad UFC 214 e arrivano le parole di Tyron Woodley che dovrà difendere la cintura dei pesi welter contro il brasiliano Maia:

“Maia? Lo rispetto molto, ma lo batterò. Ho le qualità per neutralizzare i suoi tentativi di takedown o per rialzarmi velocemente nel caso dovesse riuscirci. Maia è un avversario molto importante per la mia carriera, ma non credo sia lo stesso per molti di quelli che seguono le MMA. Purtroppo nel nostro sport, il Jiu-Jitsu non viene rispettato molto; la gente, preferisce vedere scambi veloci in piedi, high kick, ribaltamento di situazione nello striking, sangue ovunque e questa è la visione che ha la gente sulle MMA. Non apprezzano il Wrestling, il Jiu-Jitsu, le fasi di lotta a terra o il ground & pound”.

Anche Jon Jones fa il suo pronostico su McGregor vs Mayweather

Non c’è dubbio che l’incontro tra Floyd Mayweather vs Conor McGregor sarà forse il più ricco della storia degli sport da combattimento.
Con due superstar provenienti da due sport diversi che si scontrano nel ring di pugilato, le masse di grandi appassionati, così come i semplici curiosi che vengono coinvolti nell’attesa, concentreranno la loro attenzione sui due atleti fino al 26 agosto.
Un altro grande incontro avrà luogo questo fine settimana, con il campione dei pesi mediomassimi UFC Jon Jones che cercherà di ottenere il titolo sconfiggendo l’attuale campione Daniel Cormier nel main event di UFC 214. Prima dell’incontro, Jones è stato ospite dello show Undisputed su ESPN e ha condiviso i suoi pensieri sulla superfight Mayweather-McGregor.
Voglio cominciare dicendo che ammiro molto Conor McGregor”, ha detto Jones. “Ha fatto tanto per il nostro sport. Ha dimostrato che quei numeri che stanno raggiungendo sono possibili. Quindi è stato di enorme ispirazione per me“.
Ma io sono anche un fan della grandezza e Floyd Mayweather è senza dubbio grande. Voglio dire, fare 49-0 è una cosa speciale. Ha 40 anni, ma penso che Floyd si prenda cura di se stesso. E’ un esempio nel condurre una vita sana e potresti rimanere sorpreso da ciò che puoi far uscire da te nel momento in cui vivi come Floyd vive. Ha tutte le risorse per rimanere in buona salute ed il migliore nel suo sport“.
Jones ha continuato ad affrontare il discorso sulla potenza di McGregor, che fa pensare a molti che il ruolo di favorito penda dalla parte di “The Notorious”:
Penso che ciò che rende interessante quest’incontro è il potere dei colpi di Conor McGregor. Ma allo stesso tempo, ragazzi come Miguel Cotto e De La Hoya, tutti questi ragazzi, anche loro hanno un’enorme potenza. Ma ciò che non ha McGregor sono anni di esperienza ed abitudine a sostenere quella potenza di colpi. Ho combattuto contro così tanti ragazzi in UFC che hanno grande potenza di colpi ma non sono mai stati in grado di mettermi KO“.
Come ho detto, sono davvero felice che McGregor sia in questa posizione, ma se dovessi fare una scommessa, immagino che starei al fianco della grandezza“.

Arriva UFC 214, ecco le nostre analisi

UFC 214 , finalmente! L’evento dell’anno , e non ce ne vogliano i vari Aldo, Holloway, Holm , Romero o altri ma, veramente la card di questo evento è fra le più grandi di tutta la storia della UFC.
Gli incontri potenzialmente “spettacolari” sono tanti e per questo oggi abbiamo deciso di tediarvi più del solito con le nostre analisi e quindi saranno 4 e non 2 come di consueto gli incontri che snoccioleremo per voi.

Cormier (19-1) vs Jones(22-1):
Per molti il match più atteso di sempre , per noi sicuramente un match leggendario. Nel primo confronto fra i due (gennaio 2015) Jones vinse ai punti anche se i due fighter offrirono uno spettacolo tutt’altro che bello ma passato alla storia per quello che ci fu di contorno con il tragico epilogo finale di Cormier in lacrime e Velasquez(compagno di allenamento di Daniel) a porgli la spalla per consolarlo. Diciamo la verità, non ci aspettiamo nulla di spettacolare neanche questa volta soprattutto perché lo stile di combattimento di Cormier non prevede calci girati o piroette vorticose ma il fighter nativo della Louisiana tende sempre ad ammazzare il game plane dell’avversario facendo valere il suo wrestling olimpico e la sua mole possente. A vedere le statistiche si direbbe anche che Daniel ci è sempre riuscito o quasi, proprio perché Jones ha avuto nel primo match e ha tutt’ora una serie di vantaggi che non possono passare in secondo piano nella lettura dell’incontro. Altezza, allungo , reattività , striking pazzesco e BJJ da primi posti nell’intero roster della UFC. Insomma letta così sembrerebbe che Cormier non abbia scampo ma, ci fa riflettere molto il lungo periodo di stop di Jones (più di un anno) dovuto ad una squalifica per doping e ,vuoi che proprio il doping abbia aiutato Jon a diventare uno dei migliori fighter di sempre? Il dubbio c’è ma non vogliamo alimentarlo e quindi diciamo Jones vincitore di nuovo ai punti.

Woodley (16-3-1) vs Maia (15-6-0):
Altro match con il titolo in palio e altro match che presenta degli spunti tattici pazzeschi. Proprio di come legge tatticamente gli incontri, siamo diventati con il passare del tempo ,grandi ammiratori del campione. Woodley viene da 2 sfide insipide (una pareggiata e una vinta) contro Thompson ma, a rivedere quegli incontri, si può notare come Tyron abbia adottato il giusto approccio nei confronti di Wonderboy e si sia tenuto sempre alla distanza dai suoi prodigiosi calci. Questa volta, se possibile, la sfida sarà ancora più difficile perché Maia è probabilmente il miglior grappler di tutto il circuito ed ha una facilità nel potare a terra i propri avversari a volte disarmante. Come dichiarato dallo stesso brasiliano, lui vuole essere ricordato come il miglior grappler nell’intera storia della UFC ma, sappiamo anche che Woodley ha un ottimo wrestling oltre ad una castsagna da KO testata più e più volte sui propri avversari quindi, per Demian non sarà facile raggiungere il duplice obiettivo (titolo ed essere ricordato come il numero uno di sempre nel gioco a terra). Siamo molto indecisi su chi vincerà ma, visto che per ben due volte abbiamo dato Woodley sfavorito contro Thompson, questa volta non vogliamo andare contro il campione e pronostichiamo una vittoria per KO di Tyron.

Lawler (27-11) vs Cerrone (32-8):
La sfida che tutti attendevano. Il match per i veri puristi dello sport, con due belve selvagge pronte ad affrontarsi a viso aperto, colpo su colpo. Le chiavi di lettura in questo match sono molteplici. Lawler non combatte da quando è stato messo ko da Woodley, perdendo la cintura, fight che risale a giugno dello scorso anno. Da allora Lawler non ha più combattuto, cambiato palestra e subito alcuni infortuni. Cerrone nel passaggio ai welter ha guadagnato notevole freschezza atletica ed ha ottenuto risultati eccellenti, tolto il suo ultimo ko subito contro Masvidal. Cerrone in carriera ha sempre sofferto i southpaw ed ha difficoltà nel difendere i colpi diretti al viso. Se andiamo ad aggiungere il fatto che Cowboy è un diesel e comincia molto piano potremmo arrivare alla conclusione che Lawler è un match up terribile per Donald. Cerrone dovrà cercare di usare il suo Muay Thai per tenere ad una certa distanza il suo avversario, superando la fase di spinta iniziale di Lawler che è il punto critico del match. Altra componente che può giocare in favore di Cerrone è il fattore mentale di Robbie Lawler non sempre stabile. Il nativo di San Diego può entrare nell’octagon in beast mode, sbriciolando il suo avversario, oppure partire mentalmente deconcentrato e commettere errori grossolani. In ogni caso le possibilità che il match si trasformi in un bagno di sangue sono elevatissime. Ci sentiamo comunque di sbilanciarci in favore di Lawler per ko.

Cyborg (17-1) vs Evinger (19-5):
Questo match ha veramente poca storia. La Cyborg è senza ombra di dubbio la fighter più forte al Mondo. Forte, potente, cardio impressionante, striker fenomenale, troppo più grande fisicamente rispetto alle altre. Non va sottovalutata la Evinger che è un’ottima striker e brava anche nel grappling, con 7 sottomissioni all’attivo, oltre ad essere un’ottima incassatrice. Entrambe le figther si contraddistinguono per i loro inizi frenetici quindi anche questo potrebbe essere un match senza esclusione di colpi. La Cyborg è favorita e al 90% potrà portare la vittoria a casa, ma non va sottovalutata comunque la Evinger che ha un paio di assi nella manica. Una chicca di Brendan Schaub nel suo breakdown è stata: “Se la Evinger entrasse con un’armatura in stile Game of Thrones e combattese in tag team con la Anderson e Miesha Tate, Cyborg potrebbe comunque mettere ko tutte e tre”

Il preparatore di McGregor: Conor è pronto per 12 round

Secondo il dottor Julian Dalby, l’uomo dietro il sistema cardiovascolare di McGregor, i fan non devono preoccuparsi del suo cardio (via mmalatestnews):

“Siamo appena a quattro settimane dal match e Conor sta alla grande.
E ‘ preparato in tutto, è preparato in tutti gli aspetti fino all’estremo. Se la lotta dovesse durare 30 secondi Conor è pronto ,se la lotta dovesse andare avanti per un’ora sarebbe pronto anche per questo. Tutti gli aspetti sono stati preparati e siamo pronti per quello che Floyd porterà sul ring.
Per essere onesti non credo che la durata del match faccia molta differenza. Conor non avrà problemi nell’adattamento, è più che preparato per 12 round. Come ho detto, Conor è più che pronto per quello che Floyd farà. Floyd è un combattente con dei trucchi, mentre Conor è un combattente completo ed è adattabile “.

UFC 214 Official Weigh in

Ecco il weigh in ufficiale di UFC 214, nessuna sorpresa, tutti hanno raggiunto il peso nella Main Card. Animi ovviamente tesissimi tra Jones e Cormier.

Storie di MMA: La vita sregolata di Jon Jones

Jon Jones questo week end affronterà Daniel Cormier per provare a riprendersi la cintura dei pesi medio massimi. Jones deteneva la cintura prima di essere squalificato per positività agli steroidi. In un’intervista da Joe Rogan, Jones ha spiegato i retroscena di questa squalifica:
“Il problema è che sono risultato positivo a dei soppressori di estrogeni derivati da una pillola che avevo preso. La pillola era di Cialis che aiuta per il sesso. Non era proprio Cialis ma era prescritta da Cialis e così l’ho presa. La ragione per cui l’ho presa è perché ce l’ho grosso. Troppo grande Joe. Questo mi aiuta perché altrimenti diventa difficile gestirlo. Ti assicuro che è divertente! Avevo un compagno di squadra che riusciva ad ottenere tutti i farmaci che voleva e mi disse -vuoi provare il Cialis?- e io lo presi a giugno. Poi per UFC 200 è venuta la USADA commissione e mi hanno trovato positivo. Non sapevo nemmeno che fosse illegale!”

Jon Jones ha parlato anche di alcune abitudini che aveva prima di alcuni match:
“A volte arrivavo ai match non al 100%. Senza allenarmi. Ti dirò di più. Una settimana prima di ogni mia fight, e questo l’ho fatto per tutta la mia carriera, facevo bagordi tutta la settimana. Alcol, uscivo, non dormivo. Mi distruggevo e mi ubriacavo, pensando -se mi battono potrò sempre guardarmi allo specchio e dire che mi sono sfasciato per tutta la settimana-. Una sorta di auto giustificazione. Poi contro Saint Preux non l’ho fatto ed è stata la mia peggior performance ahahahah.”