Monthly Archives: agosto 2017

Ferguson non vede Lee ancora pronto

Tony Ferguson è intervenuto durante il meeting di presentazione dei Main Event con la stampa ed ha parlato anche del suo prossimo incontro con Kevin Lee.
Ferguson già durante UFC Fight Night, nel post fight, aveva avuto un battibecco con Lee, dicendo anche di non vederlo pronto per una sfida con lui.

“Penso ancora che non sia pronto per una sfida con me. Questo tizio sta dicendo un mare di stronzate sul fatto di avermi distrutto in palestra al college ma non è assolutamente vero. Io ora sto benissimo, ho cominciato il mio camp e corro di sera, lui non credo abbia cominciato, è troppo impegnato a fare chiacchiere. Durante l’intervista post fight volevo solo congratularmi ma lui ha attaccato, ma non lo biasimo perché è un giovane fighter che vuole farsi strada. Non sono preoccupato però, prima l’ho visto combinato come una caramella e provava ad intimidirmi ma è la persona meno minacciosa che esista. Ho parlato con i miei coach e siamo molto tranquilli e sorridenti. L’ultima volta che ho sorriso così durante un camp è stato per la sfida con RDA ( Dos Anjos) a Città del Messico e ho preso solo due pugni. I miei vantaggi contro di lui sono l’allungo nello striking e l’abilità nel wrestling. Io sono di un altro livello, campione nazionale, ero il capitano del team in cui c’era lui. Posso battere davvero chiunque, Team Tiramisù o Kevin Lee non fa differenza. Team Tiramisù non credo proverà a combattere di nuovo contro di me, potrei essere la fine della sua legacy, ora è il mio momento. Poi voglio Conor perché deve difendere o lasciare il titolo. Difendilo o rendilo vacante!”

Conor McGregor esalta Floyd Mayweather

Conor McGregor via Instagram parla del super fight perso contro Mayweather e soprattutto spende parole di elogio per il suo avversario:

“Mi sto fermando dopo un paio di giorni turbinosi.
Grazie a tutti i tifosi per il sostegno durante il match e durante l’evento! Senza il vostro sostegno, come combattenti non siamo nulla quindi ringrazio tutti!
Grazie alla mia squadra di allenatori e partner di allenamento!
Ho avuto una squadra incredibile ed è stato veramente un camp incredibile e divertente, e sinceramente mi sento che se avessimo apportato piccoli cambiamenti in determinate aree della preparazione, avremmo potuto reggere per 12 round completi e ottenere un miglior risultato.
Arrivare a 12 round in pratica è sempre stata la sfida in questo camp. Abbiamo iniziato lentamente per raggiungere i 12 e diminuire lo stress nei round più vicini per arrivare ai 12. Credo che per il tempo che abbiamo avuto, 10 settimane, doveva essere fatto in questo modo. Se avessi cominciato con un carico di 12 round sotto  stress avrei colpito solo un muro di mattoni e avrei perso il progresso e non avrei potuto sostenere il match. Un pò più di tempo e avremmo potuto rendere per tutti e 12 i round in modo pulito. Sento che ogni decisione che abbiamo fatto in ogni dato momento è stata la decisione giusta e sono orgoglioso di tutti nel mio team per quello che abbiamo fatto nel breve tempo che abbiamo avuto.
30 minuti è stato il più lungo match che io abbia mai combattuto in un ring o in una gabbia o ovunque, superando la mia precedente durata di 25 minuti. Sono felice per l’esperienza e felice di portarmi con me tutte queste grandi lezioni e attuarle nel mio camp che verrà.
Un altro giorno un’altra lezione!
Congratulazioni a Floyd su un match ben combattuto. Molto esperto e metodico nel suo lavoro. Gli auguro il meglio per la sua “pensione”. È un pazzo di pugile. La sua esperienza, la sua pazienza e la sua resistenza lo hanno reso ciò che è. Gli ho sempre detto che non era un fighter ma un pugile. Ma condividere il ring con lui mi ha fatto capire che è un fighter solido. Forte nel clinch. Grande comprensione dei movimenti e della posizione della testa. Ha alcune doti molto forti che potrebbe portare in un mathc di MMA di sicuro.
Ecco un brindisi di whisky a tutti coloro che sono stati coinvolti in questo evento e tutti quelli che lo hanno apprezzato!
Grazie a tutti voi! Ci vediamo al prossimo!”

Just coming back around after a whirlwind couple of days. Thank you to all the fans for the support of the fight and the event! Without your support we as fighters are nothing so I thank you all! Thank you to my team of coaches and training partners! I had an amazing team and It truly was an amazing and enjoyable camp, and honestly I feel with just a little change in certain areas of the prep, we could have built the engine for 12 full rounds under stress, and got the better result on the night. Getting to 12 rounds alone in practice was always the challenge in this camp. We started slowly getting to the 12 and decreasing the stress in the rounds the closer it got to 12. I think for the time we had, 10 weeks in camp, it had to be done this way. If I began with a loaded 12 rounds under much stress I would have only hit a brick wall and lost progress as a result and potentially not made the fight. A little more time and we could have made the 12 cleanly, while under more stress, and made it thru the later rounds in the actual fight. I feel every decision we made at each given time was the correct decision, and I am proud of everyone of my team for what we done in the short time that we done it. 30 minutes was the longest I have fought in a ring or cage or anywhere. Surpassing my previous time of 25 minutes. I am happy for the experience and happy to take all these great lessons with me and implement them into my camp going forward. Another day another lesson! Congrats to Floyd on a well fought match. Very experienced and methodical in his work. I wish him well in retirement. He is a heck of a boxer. His experience, his patience and his endurance won him this fight hands down. I always told him he was not a fighter but a boxer. But sharing the ring with him he is certainly a solid fighter. Strong in the clinch. Great understanding of frames and head position. He has some very strong tools he could bring into an MMA game for sure. Here is a toast of whiskey to everyone involved in this event and everyone who enjoyed it! Thank you to you all! Onto the next one!

Un post condiviso da Conor McGregor Official (@thenotoriousmma) in data:

Gunnar Nelson : La UFC sta pensando di cambiare l’esito del mio incontro con Ponzinibbio in un no contest

Gunnar Nelson dopo aver presentato un ricorso ufficiale per l’incontro perso con Ponzinibbio a causa di una ditata nell’occhio , è in attesa di sapere se la UFC cambierà l’esito del match in un no contest (via MMAFrettir):

“L’appello è lì  ma la UFC non si è ancora espressa. Questo significa solo che stanno davvero prendendo in considerazione il no contest. Daranno un messaggio forte con la loro decisione. Sono eccitato dal vedere cosa succede.
Non mi sento male quando penso alla lotta, sono andato oltre la sconfitta. Certamente si, fa schifo in un primo momento e fa male ma sono pronto per tornare agli allenamenti anche se probabilmente non riesco più a competere quest’anno perchè devo riposarmi bene. Penso che sia una mossa intelligente per il futuro “.

Derrick Lewis aiuta la comunità colpita dall’uragano

Derrick Lewis è conosciuto da molti con l’appellativo “la Bestia” per la sua grossa mole e la potenza che mette nei colpi.
Il fighter peso massimo però in queste ore si sta distinguendo per meriti che vanno al di fuori del contesto delle MMA.
L’uragano Harvey ha colpito il Texas questa settimana devastando intere città e Derrick si è rimboccato le maniche per aiutare le comunità colpite da questa tragedia.
Dopo aver capito che le case di molte persone erano allagate, Lewis ha preso il suo pick up e si è diretto verso gli allagamenti per aiutare più gente possibile.
Lo stesso fighter ha spiegato che è stato motivato ad aiutare dopo aver capito che le forze dell’ordine  non si mobilitano se non per situazioni  veramente gravi(via ESPN):

“Prima di tutto, io e mia moglie stavamo guardando le notizie e abbiamo sentito che gli ufficiali non uscivano.
Escono soli in caso si verifichino situazioni con rischio di morte. Ho visto questo e non mi è piaciuto molto così sono andato fuori e ho cercato di aiutare tante persone come potevo.
La scorsa notte abbiamo sentito che anche Beaumont è stata colpita ed è messa molto male. E’ a pochi chilometri da Houston e con un paio di miei amici ci stiamo preparando per andare lì”.

Insomma più che “una Bestia” in questa situazione Lewis ci è sembrato veramente un gigante buono.

🤘🏿🤘🏿🤘🏿🤘🏿🤘🏿

Un post condiviso da Derrick Lewis (@thebeastufc) in data:

Mike Tyson commenta la prova di McGregor nel superfight

Conor McGregor non ha avuto molto favore, dal punto di vista dei pronostici, dalla maggioranza della comunità del pugilato nel matchup contro Floyd Mayweather. Dato che Mayweather è stato considerato da molti come il miglior pugile della sua generazione e di tutti i tempi, era un compito troppo arduo per l’attuale campione dei leggeri UFC, che ha fatto anche più del dovuto.
Quando tutti i discorsi e le speculazioni pre-match hanno avuto termine al suono della campana per l’inizio del primo round di quest’incontro da milioni di dollari, McGregor ha dimostrato di poter stare nel match. La stella delle MMA è riuscita, nonostante il suo mancino sia stato neutralizzato dal campione americano, a piazzare anche più di un colpo pulito su Mayweather durante l’incontro.
L’ex campione del mondo dei pesi massimi Mike Tyson aveva detto prima dell’incontro, “McGregor sta per morire di boxe!“; Tyson non poteva credere che l’incontro si svolgesse sotto le regole del pugilato e non dava alcuna possibilità a McGregor senza che utilizzasse le sue tecniche da artista marziale misto.
Sebbene Mayweather abbia sconfitto McGregor nel decimo round della loro lotta, “The Notorious” è stato lontano dal farsi macellare sul ring e non è stato abbattuto. “The Notorious” era anche sorridente parlando con Floyd sul ring dopo che l’incontro è stato fermato.

Dopo l’emozionante incontro, TMZ ha intervistato Tyson e gli ha chiesto se abbia apprezzato la boxe di McGregor. Tyson ha detto: “Sì, lo rispetto“.
TMZ ha poi chiesto se il suo rispetto è cresciuto per Conor dopo aver visto il match e “Iron” Mike ha detto risolutamente: ““.
Tyson ha anche parlato al Luke Thomas Show e ha elogiato McGregor per la sua performance, esprimendosi molto positivamente sulla prova dell’irlandese.

Gaethje vuole richiamare l’attenzione di Conor

Justin Gaethje vuole Conor McGregor, come qualunque altro fighter nella lightweight division e in UFC in generale. Il neo arrivato, uscito subito vittorioso nel suo primo incontro in UFC contro Michael Johnson, affronterà per The Ultimate Fighter 26 Finale l’ex campione dei pesi leggeri Eddie Alvarez, a cui proprio Conor ha sottratto la cintura. Secondo Justin una vittoria contro Alvarez gli garantirebbe l’attenzione del campione irlandese e una chance per il titolo.

“McGregor, quando tornerà, potrà scegliere chiunque vorrà. Visto che è un competitivo sceglierà sicuramente il più pericoloso dei fighter. Dopo che avrò messo Eddie Alvarez ko facilmente, sceglierà sicuramente me. Sulla carta e in tv, solo il fighter più violento e pericoloso nella division. Probabilmente qualcuno che veramente vorrebbe sfidare. Se otterrò una vittoria veloce contro Eddie Alvarez è quello il mio obiettivo. Quando tornerà (Conor) non vorrà affrontare Tony Ferguson o Kevin Lee. Vista la mia follia, gente come Conor o Eddie Alvarez mi fanno perder il sonno la notte e mi rendono nervoso. Non perdo di certo il sonno per gente come Tony Ferguson e Kevin Lee. Non sto dicendo che non mi batterebbero, ma di certo non mi preoccupano. Vorrei combattere contro chi può impensierirmi come Khabib o Conor. Vorrei combattere in Irlanda”

Vedremo se Justin riuscirà veramente ad attirare l’attenzione del fighter irlandese.

Conor McGregor vs Nate Diaz 2: full fight

Stasera vi proponiamo il re Match tra Conor McGregor e Nate Diaz avvenuto a UFC 202. Questo è stato l’ultimo incontro disputato da Nate Diaz e il penultimo disputato da Conor, che nel successivo ha ottenuto la cintura dei pesi leggeri contro Eddie Alvarez. Dagli ultimi rumor sembra altamente probabile che i due torneranno nell’octagon per affrontarsi di nuovo nel Match che concluderebbe la contesa tra i due.

Rousey e Browne convolano a nozze, Nick Diaz si congratula

Nick Diaz attraverso il suo profilo Instagram fa le congratulazioni a Travis Browne e Ronda Rousey che sono finalmente convogliati a nozze.
Browne e Rousey, fidanzati da anni, finalmente hanno compiuto il grande passo e lo hanno fatto in gran segreto, come era facile da prevedere vista la riservatezza di Ronda.
Ci associamo agli auguri di Nick con la speranza che il matrimonio e le carriere dei due (qualunque direzione prendano) siano sempre radiose e ricche di soddisfazioni.

Nick scrive:

“Congratulazioni a Ronda, una delle mie migliori amiche di sempre, e al suo uomo Travi Browne. Amore, amore , amore”.

Congrats to @rondarousey one of my best friends ever and her ole man @travisbrownemma #💪🏽 #👊🏽 #love #love #love 💯

Un post condiviso da nickdiaz209 (@nickdiaz209) in data:

Mayweather vs McGegor spazza via ogni record mai realizzato in pay-per-view

Quella fra Mayweather e McGregor è stata soprannominata la lotta più grande nella storia degli sport da combattimento e, a sentire il presidente UFC Dana White, sembra che questo appellativo corrisponda al vero.
Dana White (via social media di Urijah Faber) ha dichiarato che il super-fight dello scorso fine settimana ha generato un enorme profitto con 6,5 milioni di pay-per-view, una cifra che avrebbe cancellato il record precedente appartenente a Mayweather vs Manny Pacquiao (circa 4 milioni e mezzo).
Il numero uscito fuori potrebbe gonfiarsi ulteriormente, in quanto non è comprensivo degli acquisti fatti al di fuori degli Stati Uniti.
I 6,5 milioni inoltre superano il totale cumulativo dei primi cinque pay-per-view UFC ed è anche cinque volte più grande di qualsiasi evento WWE PPV mai fatto.

Clay Guida, il grande Lebowski delle MMA, affronterà Joe Lauzon l’11 novembre

Joe Lauzon vs Clay Guida fissato per l’11 Novembre è sicuramente “il match” che gli appassionati storici delle MMA non si perderanno per nulla al mondo.
Stiamo parlando infatti di due fighter della vecchia guardia che sono stati protagonisti di battaglie disumane.
Soprattutto Guida si è sempre contraddistinto per il suo spirito guerriero e per il suo modo poco ortodosso di entrare in gabbia.
Prendiamo spunto da un post di Alex Dandi per farvi il quadro completo di un atleta che vi consigliamo di seguire sempre con molta “attenzione”:

Guida, un ex carpentiere è il grande Lebowski delle MMA. Gira in un camper casa di evento in evento. Suo fratello Jason, ex peso massimo, lo prende a schiaffi pochi istanti prima si entrare nell’Ottagono. Schiaffoni che stenderebbero un cavallo ma Clay si motiva così. Poi entra e salta come un gorilla per la gabbia. Non si è mai legato i capelli durante i match e molti si chiedono come faccia a vedere. Tra un round e l’altro delizia i telespettatori declamando sonetti shakesperiani a suon di rutti. A Las Vegas lo si vede spesso birra in mano tra il pubblico quando non combatte. Come si fa a non amarlo?

Alex noi lo amiamo da morire!

Vi proponiamo anche un video di highlight di Clay.

McGregor : Voglio combattere contro Diaz a 155 lb

Subito dopo la sconfitta subita per mano di Mayweather , Conor McGregor aveva paventato la voglia e la possibilità di chiudere la trilogia contro Nate Diaz.
A quanto pare il fighter irlandese ha in mente solo questo match per il suo futuro ma, solo se si farà a 155 lb:

“Se vuole sfidarmi di nuovo, deve scendere a 155 lb, nella categoria in cui sono campione. Ci siamo sfidati una prima volta a 170 lb e mi ha battuto, ci siamo sfidati sempre a 170 lb e l’ho battuto io, dopo aver chiesto un rematch nella stessa categoria di peso, avrei potuto chiedere il rematch a 155 lb ma non sarebbe stato giusto.
Ora però se mi vuole deve scendere a 155 lb.”

McGregor vs Mayweather: UFC promette il rimborso

Doveva essere l’incontro più grande del secolo. C’era un ragazzo con la barba su un manifesto che portava una cintura a doppia cinghia fregiata MMA e si lanciava sul ring contro Floyd Mayweather, il re del pugilato. C’è stato però un grosso problema: migliaia di persone non sono riuscite a vederlo. Coloro che hanno scelto di comprare l’evento e sono rimasti delusi potrebbero presto però trovare una soluzione. Tonnellate di messaggi, tweets ed email si sono riversati nei canali UFC, Showtime e dei provider degli spettatori che non hanno potuto vederel’incontro (sembra sia stato per le eccessive richieste che hanno fatto crashare due server). Oggi, UFC sta cercando di rispondere ai clienti offrendo rimborsi completi.


Cerchiamo sempre di proporvi gli incontri migliori e più eccitanti. Vogliamo che i nostri appassionati abbiano la migliore esperienza quando guardiamo i nostri eventi. Purtroppo, non lo abbiamo fatto nel modo che avremmo voluto sabato scorso a causa delle problematiche tecniche di NeuLion su UFC.tv. Come al solito, ci occupiamo sempre dei nostri fan e risolveremo. Abbiamo iniziato a lavorare immediatamente i rimborsi per coloro che non hanno potuto accedere all’incontro dopo l’acquisto“.

L’offerta di rimborsi è stata una buona mossa in anticipo da parte di UFC, considerando che i clienti dell’Oregon hanno già intrapreso delle class action. Anche i fighter UFC stessi hanno confermato sabato sera che non erano in grado di accedere alla visione dell’incontro. Non c’è da meravigliarsi sapere che circa 2.9 milioni di persone hanno visto in maniera illegale, tramite server pirata, Mayweather vs McGregor. E se tutti lo avessero visto incanali regolari, senza problemi tecnici, avrebbe potuto fare numeri ancora più imponenti di quelli realizzati.

Per richiedere il rimborso (la procedura è valida anche in Italia) occorre inviare una email all’indirizzo support@ufc.tv, mettendo nell’oggetto della mail l’intestazione “Refund”. Il rimborso può essere richiesto qualora l’evento non sia stato fruito in diretta e anche nelle 24 ore successive dal termine dell’incontro sul canale UFC fight pass. La situazione è in evoluzione, anche se al momento non si segnalano risposte nè evasioni della richiesta da parte di utenti in Italia.

UFC 216: Page VanZant vs Jessica Eye ufficiale

Un altro incontro va ad aggiungersi alla card ufficiale di UFC 216. Page VanZant (7-3) tornerà nell’octagon dopo la sconfitta subita contro Michelle Waterson e lo farà debuttando nei pesi mosca contro Jessica Eye (12-5-1). Questo sarà il primo incontro nella categoria pesi mosca e l’esordio nel 2017 per entrambe le fighter. La Eye scenderà dai pesi gallo, categoria in cui ha combattuto per ben sei match in UFC con record negativo di 1-5, fino alle 125 libbre dei mosca, mentre la VanZant salirà dai 115 dei pesi paglia. Non ci resta che aspettare e vedere come si evolverà questa nuova categoria di peso nella divisione femminile.

I fratelli Diaz e le loro risse

I fratelli Diaz, oltre ad essere ossi duri nell’ottagono, sono spesso coinvolti anche in risse e battibecchi nel dietro le quinte. I ragazzi di Stockton non si tirano mai indietro. Ecco qui alcune zuffe old style dei Diaz Brothers!

Kavanagh: Orgoglioso di Conor perchè continua a scrivere la storia

Arrivano le prime reazioni dello storico allenatore di McGregor, coach Kavanagh tramite due post via social media:

“Ci siamo allenati il più duramente possibile e ci ha consentito di dare il nostro colpo migliore. Non ci è andata bene questa volta, ma torneremo. O vinci o impari”.

“Qualsiasi debacle o sconfitta fa assolutamente male, ma non puoi prendere in considerazione di smettere. Non andiamo da nessuna parte! Orgoglioso come sempre di Conor perchè continua a scrivere la storia e a mettere insieme questi incredibili eventi. Grazie a tutti per il sostegno, enorme come sempre. E per gli haters …. non preoccupatevi vi daremo ancora modo di scrivere online”.

Marvin Vettori : Chi pensa che McGregor vs Mayweather sia stato una farsa è meglio che torni a guardare i talent

Si è molto discusso della possibilità che il match fra McGregor e Mayweather sia stato una farsa e che fosse tutto organizzato. Abbiamo provato a dire la nostra su quanto questa idea ci sembrasse assurda ma forse Marvin Vettori ,facendo un’impeccabile analisi, potrebbe riuscire meglio di noi a scacciare questa idea dalla mente dei “complottisti”.

Vi riportiamo il testo del post pubblicato dal fighter italiano:

 

MAYWEATHER vs MCGREGOR

Sabato scorso si è disputato il più grande money fight della nostra epoca, un business da circa un miliardo di dollari.

Di tutto quello che si è detto c’è solo una cosa non ho potuto accettare: la mancanza di rispetto nei confronti di un match che ha richiamato l’attenzione del mondo intero.
L’invidia é una brutta bestia, tutti avrebbero voluto trovarsi nella condizione di Mayweather e McGregor, ma ovviamente nessuno avrebbe avuto nemmeno il coraggio di immaginarsi su un ring e in questi casi l’unica cosa che rimane da fare è schernire l’evento.
Per quanto riguarda l’aspetto tecnico parto da due semplici premesse.

Mayweather: 40 anni, miglior pugile dei nostri tempi, professionista esemplare, ritirato da circa un anno e mezzo.
McGregor: 29 anni e al top della forma, striker molto forte e preciso nelle MMA, esordio assoluto nella boxe.

Mayweather non è lo stesso pugile di qualche anno fa, ma al punto di vista tecnico è di un alto pianeta.
McGregor si è presentato pronto per dare battaglia, carico come una bestia.
Si è preparato al massimo, ma intelligenza ed esperienza sono incolmabili in 4 mesi di preparazione, soprattutto per un atleta che non hai disputato un match di boxe.
È rimasto fedele al suo stile, ha cercato di colpire Mayweather con colpi meno ortodossi e al momento del match vantava una taglia in più dell’avversario.
Cosa gli è mancato? Esperienza nella boxe pura,nella gestione della forza nel corso delle 12 riprese, pulizia dei colpi che solo chi lavora solo di boxe acquisisce, basti vedere Cotto, Canelo, Maidana, Mosley.

Posso accettare un certo fastidio dai “puritani” della boxe, ma quando i 2 più grandi “draw” del fight business accettano di affrontarsi non c’è niente che tenga.
Senza considerare che McGregor è salito sul ring da campione di due categorie, non certo da ultimo arrivato.
Alla fine l’irlandese non ha sfigurato, anzi fino al sesto-settimo round ha condotto un buon match.
Mayweather, come ha ribadito nel post match, ha seguito alla lettera il suo piano, partendo più cauto, lavorando l’avversario ai fianchi e lasciandogli scaricare i colpi più pesanti a McGregor all’inizio, per poi spingere l’acceleratore finendo l’avversario al decimo round.

Mayweather, composto e disciplinato, si è riconfermato il professionista eccelso che é e che é stato da 21 anni a questa parte, mentre McGregor si è guadagnato il rispetto del mondo intero per essere entrato in un ring affrontando il maestro della boxe.
Impara una lezione ma ne esce a testa alta, e con 100 milioni in più sul conto in banca.
Per quanto mi riguarda é stato un incontro gradevole e avvincente che visto l’hype assurdo che si é creato attorno ho guardato con piacere.

Marvin

PS Se c’è ancora qualcuno che parla di farsa forse è meglio che torni a guardare i talent o a leggere articoli sul signoraggio bancario.

McGregor sospeso dalla Commissione Atletica Statale per due mesi

Conor McGregor è stato sospeso (sospensione medica) per due mesi dopo la sua sconfitta contro Floyd Mayweather.

La Commissione Atletica Statale del Nevada ha rilasciato oggi le sospensioni mediche inerenti il “Money Fight”, che ha avuto luogo sabato scorso alla T-Mobile Arena di Las Vegas.

Il match di McGregor (21-3 MMA, 0-1 boxe) , come ben sapete, è stato interrotto al minuto 1:05 del 10 ° round per TKO dopo una buona prestazione dell’irlandese ad inizio match.

Ovviamente Mayweather (pugilato 50-0) non ha avuto alcuna sospensione medica in quanto quello contro McGregor è stato l’ultimo match di Floyd.

 

UFC Fight Night 115: scontro fra titani in salsa olandese

Smaltite le tossine post McGregor vs Mayweather, torniamo dalle vacanze e concentriamoci sull’atteso ritorno di UFC. Si tratta di un evento molto importante per noi europei: primo per la possibilità di seguirlo in diretta, essendo in programma per le ore 21 a Rotterdam, Olanda, il prossimo 2 settembre; secondo perchè il main event, ma anche altri incontri della card, danno spunti tecnici interessanti.
Il culmine della serata sarà l’incontro tra i due fighter più alti di tutta la promotion: da una parte il padrone di casa Stefan Struve, “The Skyscraper”, 213 cm di altezza; dall’altra l’ex campione di Bellator Alexander Volkov, russo, 201 cm. Entrambi classe 1988.
L’incontro sarà valido per la categoria pesi massimi e, come detto, offre spunti da non sottovalutare: Struve è piazzato come ottavo challenger nella graduatoria (guidata da Stipe Miocic), ha un record MMA di 28-8 ed è in serie positiva da due incontri, avendo vinto l’ultimo match nell’ottobre 2016 contro Daniel Omielanczuk, ed in precedenza Antonio Silva, 8 maggio 2016, sempre a Rotterdam per KO. Ben 17 delle sue vittorie sono state conseguite per sottomissione, molte con tecniche sempre diverse: questo fa senz’altro emergere delle buone qualità nel grappling.
Volkov nella graduatoria sta un gradino sopra Struve, è il settimo challenger con un record di 28-6. Serie positiva per lui da 4 incontri, l’ultimo dei quali è stato la vittoria contro Roy Nelson lo scorso 15 aprile a Kansas City. A differenza di Struve, Volkov ha vinto 19 incontri su 28 per KO e TKO, il che lo fa un buon finalizzatore. E’ complessivamente al suo terzo incontro in UFC, a differenza di Struve che è un veterano avendo esordito nel 2009.
Oltre questi incontri, la main card prevede:

Donne Gallo Marion Reneau vs. Talita de Oliveira
Dal Belize, la Reneau (7-3-1 MMA) affronta una deb in UFC. De Oliveira (5-1 MMA) sostituisce infatti Germaine de Randamie, che doveva combattere inizialmente da padrona di casa ma ha dovuto rinunciare causa infortunio

Medi Siyar Bahadurzada vs. Rob Wilkinson
Bahadurzada (22-6-1 MMA), afgano naturalizzato olandese, 2 vittorie e 2 sconfitte in UFC, affronta Wilkinson (11-0 MMA) che è un deb australiano.

Welter Leon Edwards vs. Bryan Barberena
Edwards (13-3 MMA), britannico-giamaicano, professionista dal 2011, 5-2 record UFC. Barberena è californiano, 13-4 MMA, 4-2 UFC, una delle quali nel debutto contro Joe Ellenberger per TKO.

Brendan Schaub parla del litigio con Nate Diaz

Brendan Schaub, ospite da Joe Rogan, è tornato sulla lite con Nate Diaz, arrivata nel backstage della Money Fight.

“Ero nel backstage dopo l’incontro e vedo Nate Diaz per fatti suoi al telefono. Penso che c’è un altro del mio gruppo UFC e allora penso sia bello salutarsi, siamo amici d’arme. Poi ho pensato che a livello di marketing fosse  l’ideale per lui essere lì visto che potrebbe essere la prossima sfida di Conor. Conor vs Nate 3, la trilogia. Volevo andare da lui e dirgli che magari poteva promuovere la fight dicendo che avrebbe potuto combattere contro Conor ancora meglio di come ha fatto Floyd. Vado da lui e dico -Hei Nate, sei il prossimo, la sfida più grande nella storia della UFC-, e lui comincia a ridere e mi risponde -Assolutamente no! Non puoi capire quanto mi sembri fottutamente stupido adesso, parli solo di merda su Conor che vince- e io a quel punto sono preso alla sprovvista e gli dico -Nate nulla, Conor ha vinto anche dei round stasera- e Nate -Non ha vinto nessun round, al massimo uno- a quel punto ha cominciato a parlare male di me e della mia carriera. Non capivo e gli ho detto -Nate te la stai prendendo con la persona sbagliata-, uno con i jeans attillati e stivaletti Gucci per carità di Dio. Ero imbarazzato con quelli dello Showtime che continuavano a portarmi via. Poi non ci ho capito più niente e a quel punto ho detto la cosa che forse lo ha fatto incazzare -Nate non capisco, usa parole tue!- e allora ha cominciato a sparare merda e io ero veramente imbarazzato. Allora quelli della Showtime hanno chiesto chi fosse e gli ho spiegato che sarebbe stato il prossimo sfidante di Conor. Loro mi hanno chiesto quale fosse il suo problema. Penso che comunque fare la sfida tra loro a 155 libbre per il titolo sia il più grande pay per view nella storia della UFC. Khabib non credo sia il caso, non si sa nemmeno se farà il peso”.

UFC Rewind: Conor McGregor vs Nate Diaz 1

Si sta parlando molto di una possibile trilogia di McGregor vs Diaz e allora quale miglior modo di rituffarsi in questa rivalità se non quello di andare a vedere il loro primo scontro.