Monthly Archives: Gennaio 2018

Eddie Bravo studia con Ferguson il gameplan contro Khabib

Attraverso i microfoni di MMA Talk Eddie Bravo è intervenuto come ospite, parlando di Tony Ferguson e il futuro match contro Khabib Nurmagomedov. Eddie Bravo è il coach di Ferguson per il jiu jitsu e lo ha sempre definito uno dei suoi migliori allievi. In occasione della vittoria per sottomissione contro Kevin Lee, Bravo gli ha consegnato la cintura nera presso la sua palestra: la 10th Planet. In molti pensano che Khabib non abbia rivali in termini di grappling e che, nonostante Ferguson sia un eccellente grappler, El Cucuy sia comunque svantaggiato in caso si andasse a terra. Bravo ha parlato della preparazione di un match estremamente delicato:

“Guarda, al momento non posso dire troppo, ma sai. Prima di tutto Khabib è il più tosto nella divisione dei pesi leggeri e lo sarà per molto tempo. Conor a confronto è un avversario molto più facile per Tony. Khabib è tosto. Nessuno è in grado di fare quello che fa lui con il ground and pound, il grappling, il lavoro a terra. Probabilmente è il migliore di tutti i tempi sotto questo aspetto. I suoi avversari tendono a fuggire da lui, ad allontanarsi, per non farsi portare a terra. Contro Khabib però non puoi provare sempre a tornare in piedi quando ti porta a terra perchè ti prosciuga le energie. Noi proveremo a tornare indietro ed attaccarlo. Porteremo le nostre abilità come potenza di fuoco. Nessuno lo ha mai fatto prima. Ovviamente tutto può succedere. Non ci dovremo mantenere solo sulla difensiva ma attaccarlo.”

Sul BJJ all’interno della UFC:

“Ad essere onesto a me sembra che ci si stia focalizzando più sullo striking. Diciamo che il 50% dei fighter in UFC si focalizza principalmente sulla preparazione dello striking e non privilegia magari alcune cose del jiu jitsu, come ad esempio la difesa, che sono importanti. Però vedete anche Ngannou, del quale si è scoperto che non si allena nel jiu jitsu, comunque è arrivato lontano.”

Sul BJJ di McGregor:

“Guarda, è venuto una volta nella mia palestra e comunque si è buttato nella mischia contro i miei animali e questo dimostra la sua voglia di migliorare. Ha mostrato una grande volontà. Col jiu jtsu ti misuri con una situazione nella quale vinci o perdi in ogni momento per il tap out, anche in allenamento. Con lo striking magari non succede sempre. Quello è l’aspetto che spaventa o fa innamorare le persone per il jiu jitsu. Se non ti alleni bene, soprattutto quando sei un fighter UFC famoso e e puoi trovarti in una situazione in cui anche le cinture blu possono sottometterti e ovviamente il suo ego ne uscirebbe ferito. Per quello non vedi evoluzioni del jiu jitsu in alcuni fighter famosi, per la paura di essere sottomessi e di doversi mettere in discussione in tutti gli allenamenti. Per questo se non ti ci sei dedicato prima, ora che sei famoso non migliorerai più. A meno che tu non abbia un atteggiamento aperto e umile.”

Stipe Miocic molto eccitato per suo match contro Cormier

Stipe Miocic, numeri alla mano, si può considerare il peso massimo più forte di sempre in UFC.
Per trovare un degno avversario al nativo dell’ Ohio, il presidente Dana White è andato a pescare il campione della categoria inferiore di peso, Daniel Cormier, dando vita ad un match up davvero pazzesco.
Stipe si è pronunciato così in merito:

“Quello contro DC sarà sicuramente un gran bel match. Prima di tutto, Cormier è una gran bella persona, un ragazzo davvero incredibile. È uno tosto, capitano della nazionale USA di Wrestling alle Olimpiadi di Atene, ex campione Strikeforce ed attuale campione dei pesi massimi leggeri. Son sicuro che non avrebbe mai accettato questo match se non credesse veramente di avere delle possibilità. D’altronde, ha già combattuto nei massimi ed è uno dei più grandi fighter di sempre, se non il migliore. Sarà un match incredibile, non vedo l’ora. Non ho nulla contro Daniel e credo, spero, che sia lo stesso anche per lui. Tutto ciò che facciamo lo facciamo per noi e per far star bene le nostre famiglie. Non vedo l’ora di combattere, sono davvero eccitato. Vincerò e porterò a quattro io record di difese consecutive.”

Alvarez continua ad accusare e provocare Nate Diaz

Nei giorni scorsi avevamo riportato gli screzi (via social) fra Nate Diaz e Eddie Alvarez.
Nate aveva annunciato il suo rientro nell’ottagono sparando a zero su tutta la categoria dei pesi leggeri e Alvarez non aveva mandato giù il tutto.
Tramite MMAFighting.com il fighter di Filadelfia ha voluto parlare proprio di questo episodio:

“Non capisco questi ragazzi che da un giorno all’altro tornano dal letargo e buttano merda su tutta la categoria. E’ normale che ad un certo punto qualcuno si ferma, si gira e risponde.
Però il punto è un altro: se chiami qualcuno in causa, devi essere disposto ad affrontarlo altrimenti resta dove sei e chiudi il becco.
Sappiamo tutti che Nate vuole solo Conor: se McGregor annuncia che non combatterà fino ad agosto allora Diaz annuncia che non combatterà fino a luglio e così via.
Non c’è nulla di male ad ambire ad un altro money fight contro l’irlandese ma dillo apertamente e non gettare merda su tutti gli altri.
Tra l’altro così facendo crea solo aspettative verso i suoi tifosi che sperano in un suo ritorno e tutto ciò non ha senso.
Quindi in definitiva Nate dovrebbe far seguire le azioni alle parole altrimenti stia zitto.”

Cyborg commenta la scelta di Ronda Rousey di abbandonare le MMA

Se c’è una superfight femminile che i fan avrebbero voluto vedere più di ogni altra, si tratta di quella tra la campionessa mondiale Featherweight, Cris Cyborg, contro l’ex campionessa del mondo dei pesi gallo, Ronda Rousey. Ormai è tardi per assistere a questo combattimento, e mentre Cyborg continua a regnare in UFC nella sua categoria, la Rousey ha perso il titolo e ora è entrata in via ufficiale nel mondo del wrestling professionistico. L’antica rivale della Rousey ha condiviso i suoi pensieri sui nuovi progetti della ex regina Bantamweight, confidandoli a MMAFighting:

Credo che sarà felice nella WWE, che è completamente diversa dalla realtà delle MMA. Per esempio, le vittorie e le sconfitte vengono decise prima degli spettacoli“.

Penso che sia normale“, ha risposto Cyborg riferendosi alla Rousey, non volendo parlare delle sue sconfitte passate nelle MMA. “In realtà, possiamo solo parlare di cose che le nostre menti hanno già affrontato e superato. Non ha ancora superato le sue sconfitte nelle MMA, anche se adesso è in un’altra fase della sua carriera. A volte le persone hanno bisogno di un aiuto professionale per superarlo“.

Cyborg ha ancora il suo punto di vista sulla superfight… ma con un campionessa diversa a 135 libbre.

Il mio obiettivo è quello di combattere qualcuno nella mia divisione perché spero che la division cresca. Ma come ho detto, ho accettato di combattere contro Amanda [Nunes] a UFC 226 il 7 luglio, se lei lo vuole così tanto. Ora il mio manager sta negoziando i termini in modo che questo scontro avvenga“.

Cyborg ha continuato a chiarire che la sua missione è contribuire alla costruzione di una divisione competitiva di pesi piuma. Prima di una potenziale super-fight con Nunes, voleva difendere contro una collega dei Featherweight, ma adesso la musica è cambiata e, stando a quel che dice, ha firmato l’accordo per l’incontro nel 2018, ad UFC 226, il 7 luglio.

Tutte le paghe di UFC 220 : Miocic fa il botto

UFC 220 si è chiusa senza troppi colpi di scena e i due campioni del mondo sono riusciti a difendere le proprie cinture grazie a prestazioni decisamente dominanti.
Sono state rese note le paghe dell’evento e ,si può notare come sia Cormier che Miocic non hanno preso bonus vincita in virtù di un accordo economico fisso (a prescindere dalla vittoria o meno) con la promotion americana.
Di seguito le paghe corrisposte agli atleti:

Main Card :
Stipe Miocic ($600,000 + no win bonus = $600,000) def. Francis Ngannou ($500,000)
Daniel Cormier ($500,000 + no win bonus = $500,000) def. Volkan Oezdemir ($350,000)
Calvin Kattar ($14,000 + $14,000 = $28,000) def. Shane Burgos ($22,000)
Gian Villante ($50,000 + $50,000 = $100,000) def. Francimar Barroso ($27,000)
Rob Font ($30,000 + $30,000 = $60,000) def. Thomas Almeida ($36,000)

Preliminary Card :
Kyle Bochniak ($12,000 + $12,000 = $24,000) def. Brandon Davis ($10,000)
Abdul Razak Alhassan ($20,000 + $20,000 = $40,000) def. Sabah Homasi ($12,000)
Dustin Ortiz ($30,000 + $30,000 = $60,000) def. Alexandre Pantoja ($14,000)
Julio Arce ($10,000 + $10,000 = $20,000) def. Dan Ige ($10,000)

Preliminary Card (UFC Fight Pass)
Enrique Barzola ($21,000 + $21,000 = $42,000) def. Matt Bessette ($12,000)
Islam Makhachev ($16,000 + $16,000 = $32,000) def. Gleison Tibau ($50,000)

Si lavora per Chiesa vs Pettis a UFC 223

Dopo aver inserito nella card di UFC 223 la sfida per il titolo dei pesi leggeri tra Ferguson e Nurmagomedov e del titolo dei pesi paglia tra Namajunas e Janna, la UFC tenta di inserire un altro incontro di gran livello tra Michael ‘Maverick’ Chiesa ed Anthony ‘Showtime’ Pettis.

A dare la notizia dei lavori in corso per riuscire ad aggiungere questa sfida nella card è stato Brett Okamoto via Twitter. Per Chiesa sarebbe il rientro dopo la sconfitta subita contro Kevin Lee, mentre Pettis è recentemente uscito sconfitto da una battaglia contro Dustin Poirier.

Si attendono conferme per l’ufficialità.

Lomachenko potrebbe firmare presto con la UFC !

Il super campione di boxe Vasyl Lomachenko ha fatto filtrare nelle socrse ore un forte interesse per le MMA.
Martedì mattina, Lomachenko ha postato su Twitter un video di se stesso durante una sessione di wrestling, suggerendo che se Linares (suo papabile avversario in un match di pugilato) non avesse messo presto penna su carta, lui si vedrebbe costretto a perseguire una carriera nella UFC. Ovviamente, vale la pena notare che il pugile ha incluso un’emoji che ride in lacrime in questo post.

“Sei pronto a combattere contro me a 135 [Jorge Linares]?Altrimenti, forse andrò a vincere una cintura nella UFC mentre ti aspetto.”

Lomachenko ha sfiorato il mondo delle arti marziali miste in passato, avendo allenato TJ Dillashaw.
Lo stesso Dillashaw ha dichiarato:

“Ho bisogno di vederee cosa succede. Cerco sempre di espandere le mie conoscenze come artista marziale misto. Sono un grande fan [di Lomachenko], non perderei mai questa opportunità. Anche se poi venissi sconfitto sarebbe una grande esperienza.”

È interessante notare che Dillashaw ha rapidamente fatto notare la cosa alla UFC invitando Lomachenko a contattare la promozione.

Al che il pugile ucraino ha risposto così:

Staremo a vedere se ci saranno novità in merito.

Nurmagomedov : McGregor non combatterà mai contro di me perchè ha paura

Khabib Nurmagomedov parla del suo futuro e di quello della divisione pesi leggeri:

Questa non sarà la cintura di Conor e non sarà neanche il titolo ad interim di Tony Ferguson. Questa sarà la cintura del campione indiscusso. E quando combatteremo il 7 aprile lo renderanno ufficiale. Chi vincerà diventerà il vero campione. Ora, Tony Ferguson è ancora campione ad interim e Conor McGregor, lo chiamano campione, ma non è campione di niente. Chiunque vinca diventerà il vero campione.
Non penso che lui (Ferguson) abbia un jiu-jitsu migliore del mio. Penso che sia un fighter imprevedibile. Esegue ginocchiate molto buone e anche ottime gomitate ma non credo che abbia mai combattuto contro qualcuno come me, che dà pressione, ha il controllo in top e sa fare tutto. Quando entreremo in gabbia, quando la gabbia sarà chiusa, lo faremo vedere a tutti. Io e Tony Ferguson siamo di un livello diverso.
Quando batterò Tony Ferguson, farò diventare [Conor] McGregor un pò più umile e dovrà mettersi in fila. Dovrà mettersi in fila, perché ha solo un combattimento a 155 libbre. Vuole lottare per il titolo? No, non esiste. Quando diventerò campione UFC, dirò: “Ehi, chi è il vero contendente? Chi ha cinque, sei, sette vittorie?” Ma non penso che lui combatterà mai con me. Penso che sappia cosa succederebbe nel caso.

Cain Velasquez parla del match di Cormier

Cain Velasquez è assente dall’octagon da luglio del 2016, quando sconfisse per TKO Travis Browne. Gli infortuni hanno martoriato la sua carriera, ma adesso sembra stia recuperando la forma per tornare a combattere. Intanto il suo compagno di squadra Daniel Cormier sfiderà in un match per il titolo heavyweight Stipe Miocic e Cain ovviamente lo aiuterà in questo percorso. Come dichiarato da Velasquez anche in un suo recente tweet:

“Come sempre andrò in palestra ogni giorno per aiutare mio fratello @dc_mma per diventare il prossimo campione heavyweight a #UFC226. Quando succederà le cose si faranno interessanti #AndNew #WeAreAKA #GonnaGetMyBeltBack”

Velasquez ha poi spiegato meglio il suo tweet da Ariel Helwani ai microfoni di MMA Hour:

“Cosa intendevo? Le cose potrebbero diventare interessanti, amico. È a peso massimo, io sono un peso massimo. Cosa devo fare, scendere di peso? Non lo so. Le cose potrebbero diventare interessanti, sì. Non sappiamo come andranno le cose. Penso che sia bello quello che sta facendo, sta salendo col peso, ma ha combattuto prima nei pesi massimi, quindi lo farà di nuovo. Prima di tutto voglio aiutarlo a preparasi per luglio e preparare me stesso per portare a termine il lavoro. Ne abbiamo parlato con Daniel e lo supporto al 100%. Io voglio tornare a combattere, voglio ancora dimostrare tanto e non ho intenzione di ritirarmi.”

Alla domanda su una possibile sfida con DC ha risposto:

“No, non combatterei con lui. Penso che si senta allo stesso modo. Siamo compagni di squadra, siamo amici, abbiamo fatto molto l’uno per l’altro. Penso che sarebbe facile, io e lui, solo perché facciamo tanto sparring, sarebbe solo un altro giorno in ufficio. “

Cormier : Se batterò Miocic sarò grande quanto McGregor

Daniel Cormier parla del suo match contro Miocic e della sua “eredità” (via MMAHour):

“Quando penso al match contro Stipe, so che per me sarà una montagna molto difficile da scalare.
Ma la realtà è che ho sempre parlato di competizione ed eredità e quando si parlerà della mia eredità sarà innegabile ammettere quello che io avrò fatto per questo sport.
Se vincerò il 7 luglio, sarò il più grande combattente di tutti i tempi.  Avrò fatto qualcosa di inaudito ed è ciò che ho sempre inseguito. L’ho inseguito negli scontri con [Jon] Jones perché a prescindere dalle cinture, ho sempre pensato che una volta sconfitto Jones, sarei diventato il più grande combattente di tutti i tempi.
Ora so però che se compierò questa impresa potrei essere ricordato comunque come il più grande .
So che ci sono stati altri campioni a aver conquistato due cinture in diverse divisioni di peso: Randy Couture aveva la cintura dei pesi massimi leggeri e la cintura dei pesi massimi, ma non lo fece allo stesso tempo. Conor McGregor è la più grande star delle arti marziali miste e ha detenuto due titoli contemporaneamente – e ce la farà anche io – quindi visto che lui è stato sulla copertina del [videogioco UFC] per due anni di fila, l’anno prossimo toccherà a me.”

UFFICIALE: Rivincita Canelo-Golovkin il 5 maggio

Esuliamo un momento dal contesto delle MMA per darvi una notizia che molti appassionati degli sport di combattimento attendevano con ansia. Tutti i fan della boxe in tutto il mondo voleva l’incontro tra due dei pound-4-pound migliori del momento, Gennady Golovkin e Saul “Canelo” Alvarez. I due si sono trovati contro lo scorso settembre in un incontro appassionante terminato in pareggio. Adesso, i tempi sono maturi per la resa dei conti: Golden Boy Promotions ha annunciato che la rivincita è stata ufficializzata per il 5 maggio.
Entrambi i pugili si sono espressi sulla rivincita:

Sono pronto a combattere di nuovo con Canelo e sono felice che questo incontro si faccia”, ha detto Golovkin. “Questo è il match che tutto il mondo vuole. Questo è il combattimento che la boxe merita. Non ero d’accordo con alcune delle decisioni dei giudici nel primo incontro. Questa volta non ci saranno dubbi. Dovrò lasciare il ring come il campione mondiale dei pesi medi“.

Sono felice di partecipare ancora una volta a uno degli eventi di pugilato più importanti della storia”, ha detto Alvarez. “Questo secondo combattimento è per il godimento e il piacere di tutti gli appassionati che desiderano vedere il miglior incontro in assoluto. Questa volta, Golovkin non avrà scuse per quanto riguarda i giudici perché vengo a batterlo direttamente“.

Ciascuno dei due pugili non ha riportato molte sconfitte nelle rispettive carriere. Infatti i due hanno un record combinato di 86-1-2. Quella sconfitta è dalla parte di Canelo ed è arrivata da uno dei grandi pugili di tutti i tempi, Floyd Mayweather Jr, nel 2013. Canelo ha combattuto otto volte dalla sua unica sconfitta in carriera.

Per chi se lo fosse perso, vi riproponiamo il full fight del primo incontro, con alcune riprese (in particolar modo quelle centrali) che dovrebbero essere proposte nelle scuole di pugilato:


Qui trovate anche la nostra analisi

Rogan su Rockhold vs Romero

A UFC 221, il 10 di Febbraio, Luke Rockhold sfiderà Yoel Romero che è subentrato a Whittaker, fermato da un infortunio. Joe Rogan durante il Joe Rogan Experience ha detto la sua sull’imminente match:

“Luke Rockhold è davvero di un livello tecnico altissimo. Anche per come si allena quotidianamente con Cormier e Velasquez. Il suo grappling secondo me viene sottovalutato molto. Le sue abilità di controllare gli avversari a terra sono molto sottovalutate. Ha sottomesso Bisping con una ghigliottina splendida.[…] Sono rimasto impressionato da lui in diversi modi, ma la sua abilità di controllare a terra i suoi avversari è impressionante. Anche con Weidman, che è un grappler di altissimo livello, pensavo che se l’incontro fosse andato a terra avrebbe favorito Chris. Invece è stato totalmente in controllo, anzi lo ha dominato. Romero è il più pazzesco di tutti. Sembra fatto in laboratorio. Non è spaventato di farsi portare a terra perchè riesce a rialzarsi sempre, ha un controllo del corpo impressionante. […] La sua abilità di accelerare è impressionante e non sembra uno di 40 anni. Se vedi il suo fisico sembra venire da un film. La ginocchiata volante contro Chris è paurosa. L’unico dubbio è che ha così tanti muscoli che va in difficoltà col cardio. Non riesce ad andare alla distanza e lo si è visto anche con Whittaker. Mi sarebbe piaciuto vederlo a 26 anni quando ammazzava tutti nel wrestling.”

Il manager di Nurmagomedov : Khabib combatterà solo altri due match

Il prossimo 7 aprile, nel main event di UFC 223, Tony Ferguson e Khabib Nurmagomedov si daranno battaglia per la cintura dei pesi leggeri. In realtà ancora non è chiaro se i due combatteranno per il titolo assoluto o per quello ad interim visto che Dana White ancora non si è deciso di spogliare McGregor della cintura.
In una recente intervista con TMZ, il manager di Nurmagomedov, Ali Abdelaziz ,ha assicurato che il match sarà per il titolo assoluto:

“Khabib combatterà per il titolo. Le mie richieste sono state soddisfatte. Non mi interessa se Conor verrà spogliato o no, perchè so che il 7 aprile Khabib combatterà per la cintura dei pesi leggeri e la cintura di Conor finirà nella spazzatura.
Khabib batterà Tony in tre round. Poi probabilmente si ritirerà imbattuto perché sconfiggerà Conor, e probabilmente dopo dirà addio.
In realtà Nurmagomedov ha anche detto che Conor dovrà mettersi in fila se vorrà sfidarlo o potrà andare a combattere Nate Diaz o qualcun altro per fare un pò di soldi.”

Garbrandt favorevole ad una rivincita con Dominick Cruz

L’ex campione dei pesi gallo UFC Cody Garbrandt si è espresso positivamente per una rivincita “facile” con Dominick Cruz.
Garbrandt come sappiamo è reduce dalla prima sconfitta della sua carriera professionale nelle MMA contro l’ex compagno di squadra diventato nel frattempo acerrimo rivale, T.J. Dillashaw, avvenuta nel corso dell’evento UFC 217 lo scorso novembre a New York.
Dopo aver quasi finalizzato Dillashaw negli ultimi istanti del primo round, Garbrandt si è fatto sorprendere da un head kicka da Dillashaw a metà del secondo. Da lì in poi T.J. ha invertito la rotta e alla fine ha sconfitto Cody con un pugno seguito da un ground and pound fulmineo.
Dopo la sua impressionante vittoria su “No Love”, T.J. Dillashaw ha annunciato che avrebbe rivolto la sua attenzione ad una superfight contro l’attuale campione dei pesi mosca UFC Demetrious Johnson.
Dillashaw ha dichiarato poco tempo fa che Garbrandt “ha molto da lavorare” prima che possa concedergli una rivincita.
Più di recente, l’ex padrone dei pesi gallo UFC Dominick Cruz ha annunciato di essere disposto ad un rematch con Cody Garbrandt.
Un fan ha chiesto a Cody Garbrandt se sarebbe disposto a reincontrare Dominick Cruz nella sua prossima apparizione sull’Ottagono e “No Love” ha risposto subito così:

E’ evidente come il nostro non abbia perso la sua baldanza, nonostante la lezione ricevuta da Dillashaw!

Brutta notizia per gli “spasimanti” della VanZant

Paige VanZant e Austin Vanderford convoglieranno presto a nozze! Paige non sta di certo atrtaversando il miglior periodo della sua carriera dopo la sconfitta patita due settimane fa a St. Louis, con tanto di braccio rotto.
Ci ha pensato il suo storico fidanzato a tirare su di morale la fighter americana e per chi voleva farsi avanti con la bella Paige, purtroppo dovrà farsene una ragione.

Ecco il post nel quale la VanZant annuncia il lieto evento, con tanto di proposta romantica.

Ronda Rousey firma un contratto pluriennale con la WWE

Ronda Rousey ha ufficialmente annunciato di aver firmato un accordo con la WWE.
L’ex campionessa dei pesi gallo UFC ha fatto il suo debutto durante la WWE Royal Rumble. Ronda è apparsa culmine dell’evento principale ed ha raggiunto il ring interagendo con tre delle più grandi star femminili di questo sport.
La Rousey ha poi dichiarato:

“Questa è la mia vita ora. Sarà la mia priorità per prossimi anni. Questo non è un tormentone; questa non è una trovata pubblicitaria. Quando ho incontrato per la prima volta Triple H, gli ho detto, ‘Ci sono altre cose che potrei fare con il mio tempo guadagnando anche più soldi, ma non mi divertirei mai così tanto’.
È divertente,; è un pò come recitare, nel senso che è qualcosa che ho sempre voluto fare ma non ho mai pensato che fosse nelle mie corde. Però ora che mi rendo conto di avere davvero questa opportunità, se non la cogliessi, il bambino di 6 anni che è dentro di me mi prenderebbe a calci nel culo .”

Joanna vorrebbe parlare con Ronda del taglio peso

Intervenuta ai microfoni di Ariel Helwani al podcast MMA Hour, Joanna Jedrzejczyk è tornata sull’argomento del taglio peso, al quale attribuisce la sconfitta patita contro Rose Namajunas, costatale il titolo dei pesi paglia in UFC. La ex campionessa pensa di non essere l’unica ad aver perso il titolo per il taglio peso. Secondo Joanna anche Ronda Rousey avrebbe perso il titolo contro Holly Holm a causa del taglio del peso e per questo vorrebbe fare una chiacchierata con lei sull’argomento:

“A dire la verità abbiamo un agente in comune ed avrei sempre voluto parlare con lei di come si sia sentita quando ha perso contro Holly Holm. Non l’ho mai fatto perchè prima ho sempre vinto. Quando ho parlato con il nostro agente e gli ho detto che le mie gambe erano diventate insensibili e stanche, lui mi ha detto che era successo lo stesso a Ronda quando ha perso il titolo contro Holly Holm, per il taglio peso. Mi piacerebbe sedermi con lei e fare un intervista per proteggere i giovani fighter che tagliano il peso. Mi piacerebbe proteggerli. La nostra vita non ha prezzo e dobbiamo difenderla. La cosa divertente è che le persone non si rendono conto che il tuo cervello si può davvero bloccare e che il taglio peso può cambiare tutto. Può succedere per il taglio peso ed io e Ronda ne abbiamo pagato il prezzo.”

Le prime parole di Brunson dopo la sconfitta

Derek Brunson commenta con molta signorilità la sua sconfitta patita per mano di Souza (via MMAJunkie):

“Jacare mi ha fatto tornare al tavolo da disegno. Di certo la sua esperienza è contata, ma io ho ancora un pò di anni in questo sport. Posso ancora arrivare in cima.
Tutto stava andando nel verso giusto e mi sentivo bene. Sentivo di avere il vantaggio della velocità alla grande. Ho visto alcuni spiragli in cui avrei potuto fare qualcosa in più, ma volevo davvero attenermi al mio piano di gioco ed avere pazienza prendendomi il mio tempo così da non commettere errori. Ma ho imparato a mie spese. Sicuramente la prossima volta starò più attento alla difesa dai calci.
Non posso incolpare nessuno se non me stesso. Guardando il replay bastava solo coprirmi un pò meglio e sarei andato avanti a combattere. Mi sono sentito davvero bene nel match, stavo andando bene ma hey, non è andato come volevo. Quindi sono appena tornato al tavolo da disegno. “

UFC on Fox: Derek Brunson vs Jacare Souza Full Fight

Jacare torna alla vittoria dopo la sconfitta patita contro Robert Whittaker il 5 aprile scorso e lo fa con una prova di forza contro Derek Brunson. Brunson era reduce da due vittorie consecutive contro Kelly e Machida e ha trovato la terza sconfitta negli ultimi cinque incontri. Dopo un avvio di studio Brunson ha provato ad imporre un certa aggressività nello striking, ma Jacare con i suoi calci aggressivi è riuscito a gestire la distanza e capitalizzare con un ottimo head kick e proseguendo con il ground and pound. Nonostante l’assenza del campione Whittaker, la divisione dei medi resta in movimento.

Le prime parole di Mara Romero Borella dopo la sconfitta

Dopo aver visto di nuovo combattere Mara Borella, siamo giunti ad una conclusione: AMIAMO MARA. La sua semplicità e la sua genuinità è davvero contagiosa e anche dopo un match in cui avrebbe meritato senza ombra di dubbio la vittoria, lei non può fare a meno di sorridere.
Vi invitiamo ad osservare bene il suo volto durante l’ ingresso nell’ottagono e ancora, subito dopo il verdetto. Mara ride, ride sempre e non c’è niente di più vero di un sorriso sincero .
Il match a nostro parere è stato condizionato dal fattore campo e forse dal moto perpetuo della sua avversaria ma Mara doveva vincere perché è stata molto più precisa nello striking ed ha sempre mantenuto il centro dell’ottagono.
Vogliamo riportarvi le statistiche del match ma soprattutto vogliamo riportarvi la prime parole di Mara postate su Instagram così forse capirete perché non si può non adorare questa ragazza. Forza Italia! Forza Mara!

“MA TU SORRIDI SEMPRE? SI IO SORRIDO SEMPRE PERCHE IL MIO SORRISO E VELENO PER CHI M INVIDIA”