Fight Clubbing: la card

Mancano ormai pochi giorni all’edizione del Fight Clubbing, evento misto di sport di lotta che si svolge annualmente a Pescara. Mai come quest’anno, soprattutto la card di MMA ha assunto una dimensione internazionale e si presenta molto interessante e prestigiosa, se è vero che il main event potrà contare su uno dei migliori atleti italiani e su un fighter che in passato ha combattuto nella UFC.
Riportiamo di seguito la card:

Pesi Welter Will Chope (37-14) vs Giovanni Melillo (12-4)
Pesi Piuma Walter Cogliandro (8-1) vs Francesco Moricca (6-4)
Pesi Welter Aldo Cirillo (3-4) vs Joe McColgan (4-2)
Pesi Piuma Davide Di Deo (3-1) vs Paul Hughes (1-0)
Pesi Piuma Giuliano Badessa (1-0) vs Nizar Ben Amara (2-0)

Giuliano Badessa, atleta del Team Leone Petrosyan, due vittorie da pro per decisione, affronta Nizar Benamara della Wolf Temple, due vittorie anche lui finora ma prima del limite. Nel secondo incontro Davide Di Deo, idolo di casa,  reduce da tre vittorie di fila dopo la sconfitta nell’ultima edizione del Fight Clubbing, affronterà l’irlandese Paul Hughes, buona esperienza amatoriale e al secondo match da pro. Sarà poi la volta di Aldo Cirillo, atleta teatino che cercherà di spezzzare una striscia negativa di tre incontri con “The SBG Hunter” Joe McColgan, coriaceo grappler nordirlandese che milita nel circuito di Cage Warriors. Co-main event di sicuro interesse che vedrà di fronte Walter Cogliandro e Francesco Moricca. Il novarese Cogliandro, reduce dalla sua unica sconfitta da professionista avvenuta a ICF 7 nel main event dal francese Alioune Nahaye, se la vedrà con il milanese Moricca, detto “Blessed Warrior”, anche lui con esperienza in ICF e reduce da una vittoria a febbraio dopo due sconfitte di fila.

Infine il piatto forte della serata, con il californiano Will “The Kill” Chope, per la prima volta in Italia, ad affrontare il pugliese Gianni Melillo. Chope, nei suoi numerosi incontri da professionista, può vantare ben 23 vittorie su 36 per submission (moltissime delle quali per rear-naked choke). Per il trentaquattrennne Melillo un’opportunità di riscatto dopo il match perso a Venator 5 con Michelangelo Colangelo.

Condividi

Leggi Anche