Storie di MMA: Bisping racconta le difficoltà nel combattere con un solo occhio

Michael Bisping è stato introdotto quest’anno nella Hall of Fame, un grande traguardo per l’ex campione dei pesi Medi, ritiratosi nel 2018. Uno dei motivi che hanno indotto al ritiro il campione britannico è stato sicuramente il suo occhio destro. Il conte infatti subì un ko contro il brasiliano Vitor Belfort che nel 2013 gli causò il distacco della retina. Proprio Bisping ne ha parlato durante il suo podcast “Believe You Me”:

“La mia vista (nell’occhio destro) è praticamente inesistente dal 2013. Ero a malapena in grado di superare i test medici. Era sempre toccata e fuga. Ho sempre avuto il terrore di fare un training camp completo, per poi essere respinto ai test medici.”

“Era difficile. Per superare il test medico, devi avere una vista di 20-200, che è comunque classificata come clinicamente cieca, quindi non è molto buona, non è un esame molto difficile da superare. Alcuni giorni ci riuscivo, altri giorni no. Ma per fortuna, sono stato solo in grado di cavarmela.

“La gente dice sempre:” Come hai fatto a combattere con un solo occhio? “E io dico sempre:” Con grandi cazzo di difficoltà! “”

Le difficoltà le descrive descritte nel dettaglio:

“Non è stato facile”, ha ammesso. “Ho dovuto cambiare del tutto il mio stile. La percezione della profondità era molto complessa. Spesso tentavo di afferrare un oggetto e lo mancavo completamente, e al mio secondo o terzo tentativo ci riuscivo. Usavo molto il mio jab, ma ho smesso di usarlo perché colpivo l’aria invece del mio avversario. Cercavo sempre il contatto fisico perché, una volta stabilito il contatto, il cervello è una cosa magnifica, potevo misurare le distanze un po’ meglio “.

Ma nonostante i chiari problemi che Bisping stava avendo con la vista, sia dentro che fuori dalla gabbia, non aveva mai considerato di ritirarsi.

“Prima di avere la cintura, il pensiero di ritirarmi non mi è mai venuto in mente. Ora guardo indietro e penso, ‘Wow, cosa stava pensando questo ragazzo?’ Vedo alcuni vecchi combattimenti, e penso, ‘Questo idiota è là fuori a combattere con un solo occhio’ quindi veramente non so da dove venisse tutta quella sicurezza. Ma non ho nessun rimpianto. “

Poi parlando del combattimento contro Vitor Belfort rivela un retroscena:

“Non mi piace perché è un po’ un idiota. Predica a tutti di Gesù e dell’essere una brava persona, ma è un coglione. Era là fuori a barare, prendere steroidi e combattere ingiustamente e infortunare i suoi avversari. Dovrebbe vergognarsi di se stesso.”

“Durante il nostro face off gli dissi a denti stretti: ‘Gesù non esiste’. Ma forse c’è, perché il match è finito con una retina distaccata dopo quella lotta. Forse è stato Dio a vendicarsi. “

Condividi

Leggi Anche