Search Results for: Alessio & Di Chirico

Di Chirico ‘invita’ i commentatori americani a pronunciare bene il suo nome

Si sa che la pronuncia dei nomi stranieri spesso è una brutta gatta da pelare e, proprio quello del nostro beniamino Alessio Di Chirico causa grossissimi problemi ai commentatori delle televisioni americane.
Il buon Manzo pubblica un divertentissimo video via instagram su come pronunciare correttamente il suo nome.

BREAKING: Alessio Di Chirico annuncia il nuovo avversario

Poco fa il nostro Alessio Di Chirico ha annunciato il suo prossimo avversario in UFC attraverso un post su Facebook:

Si tratta di “The Cuban Missile Crisis”, al secolo Julian Marquez (7-1-0), americano-ispanico ventisettenne originario del Missouri. Il fighter è alto 187 cm per 84 Kg, circa 190 cm di allungo. Delle sue vittorie, una è arrivata per submission (l’esordio in UFC), le altre sei per KO/TKO e l’unica sconfitta è giunta ai punti, quando combatteva in Bellator. Si tratta di un fighter completo, buono striker ma anche ottimo lottatore come testimonia il record di 3-0-0 nelle MMA amatoriali con vittorie tutte per submission. Un osso duro per Alessio! L’incontro si svolgerà a Las Vegas, in occasione della finale del TUF. Appuntamento per il 6 luglio 2018.

Alessio Di Chirico vola da Luke Rockhold

Non era difficile aspettarsi che Alessio Di Chirico avrebbe attratto l’attenzione dei più, vista la prestazione super che gli ha consentito di vincere per KO il suo ultimo match in UFC. Ed infatti così è stato.
Manzo è stato “scelto” da Luke Rockhold come partner di allenamento per il camp che preparerà l’ex campione del mondo al match titolato contro Robert Whittaker.
Alessio ha postato poche ore fa una foto su di un aereo insieme al suo allenatore Lorenzo Borgomeo, accompagnata da un messaggio che racchiude, a nostro dire, tanto orgoglio per quanto fatto e tanta emozione per un camp che ci consegnerà sicuramente un Manzo ancora più forte e più consapevole di prima.

Di Chirico vince e scimmiotta Peter Griffin

“Adesso avete capito chi cazzo siamo?!”. Queste le prime parole di Alessio Di Chirico rivolte alle telecamere dopo la devastante ginocchiata che gli ha consentito di portare a casa il match contro Bamgbose.
Manzo ci ha fatto sognare e ci ha resi fieri ed orgogliosi di essere italiani. Visto l’approccio al primo round anomalo da parte del suo avversario, che era solito partire in maniera esplosiva sin dalle prime battute , Alessio ha preso il centro dell’ottagono e ha tenuto costantemente sotto pressione Bamgbose grazie ad ottimi movimenti del corpo e delle gambe.
Nel secondo round il copione non sembrava cambiare ed allora Alessio ha deciso di premere sull’acceleratore e grazie un uno splendido clinch con annessa ginocchiata è riuscito a mettere KO il suo avversario.
La gioia di aver visto Di Chirico alzare le braccia al cielo è stata enorme e ora il suo futuro in UFC è tutto da scrivere!

Il video del KO di Di Chirico ed il video delle sue prime dichiarazioni dopo il match.
Per inciso Alessio ha mostrato un’autoironia unica scimmiottando Peter Griffin che a sua volta scimmiottava noi italiani.

Domani in onda l’intervista esclusiva di Borella, Vettori e Di Chirico

Domani andrà in onda su Fox un’ intervista esclusiva dei nostri tre atleti in UFC. Vi avevamo già anticipato che si erano incontrati presso lo studio dentistico Panzolato e finalmente domani potremo vedere tutto quello che hanno avuto da dire davanti alle telecamere.
Forza Mara Romero Borella .Forza Vettori. Forza Di Chirico. Forza Italia.
Vi riportiamo il post di Di Chirico in cui troverete gli orari dell’intervista.

Nel post di Di Chirico il link per seguire il live di Scatizzi

Alessio Di Chirico ,come noi ,dalle 17.00 in poi sarà incollato davanti lo schermo per vedere l’incontro di Daniele “scat” Scatizzi! Il link per seguire la diretta è nel post di Di Chirico.

Di Chirico saluta Carlo Pedersoli Jr con un simpatico omaggio

Simpatico omaggio da parte di Alessio Di Chirico per l’amico Carlo Pedersoli Jr. Eccolo alle prese con una porzione extra-large di fagioli cucinati come tempo fa faceva l’illustre nonno di Carlo, un certo Bud Spencer. Noi, da fan sfegatati di Bud, non possiamo che lasciarci rigare il viso da una lacrimuccia esclamando:
“Comunque i fagioli erano uno schifo!”

Belluardo, e sono sei! UFC si tinge sempre più di azzurro

Ieri è stata una bella giornata per le MMA italiane. Dopo l’annuncio del definitivo chiarimento sulla vicenda Vettori con la USADA, che consente a pieno titolo al nostro Marvin di tornare nell’Ottagono, c’è stata l’anticipazione di Tudor Leonte su Sherdog circa Alessio Di Chirico.
Rivedremo Manzo sull’Ottagono, rispettando quanto alcuni mesi fa ci disse il suo coach Lorenzo Borgomeo, e tutto ciò accadrà molto presto: ad UFC on ESPN il prossimo mese di giugno contro Kevin Holland.
Ma la notizia più sorprendente della già ottima giornata arriva in serata: abbiamo il sesto italiano in UFC!

Si tratta di Danilo “Caterpillar” Belluardo (12-3), siciliano di Trapani trapiantato a Milano ormai da diversi anni. Danilo si allena allo Stabile Fight Team ed è seguito dalla Superbia Management, agenzia italiana con sede in svizzera che segue alcuni tra i migliori atleti e talenti delle MMA nostrane (Scatizzi, Colangelo, solo per fare un paio di nomi). L’ingresso nella promotion più importante nel mondo è il premio per tanti sacrifici fatti da Danilo, la cui carriera ha conosciuto anche momenti molto difficili.
Noi siamo ancora più contenti perchè sappiamo benissimo che non finisce qui e che ci sono ancora altri atleti che possono aspirare, a pieno titolo, ad entrare a far parte della famiglia di Dana White, che sta dimostrando dal canto suo di puntare molto sul mercato italiano, un movimento in crescita esponenziale.

Cerilli vs Vera: un’occasione unica

La “Battaglia di Manila” – volendo attribuire al main event di domani un tono vagamente epico – è un’occasione unica per il movimento italiano delle MMA. Uno di quegli spartiacque che, nel caso in cui le cose volessero andare in un certo modo, potrebbero segnare la svolta e far decollare nel nostro Paese una disciplina che, dati alla mano, raccoglie sempre più consensi tra i praticanti, nonostante continui ad essere ignorata (nel migliore dei casi, altrimenti vituperata) dalla stampa sportiva nazionale.

Si tratta di un’occasione unica per almeno due motivi. Il primo è che la card filippina, che avrà luogo alla Mall of Asia Arena alle 18:30 locali (le 11:30 qui in Italia), sarà visibile in chiaro e quindi accessibile ad un vasto pubblico. Questo perchè la strategia promozionale di ONE, promotion asiatica che fa dell’autenticità dello spirito delle MMA il proprio cavallo di battaglia, è quella di rendere visibile gratuitamente i propri eventi attraverso la sua app ufficiale per smartphone. Una strategia certamente curiosa dal punto di vista economico, ma che garantisce, in particolar modo a questo evento, la visibilità di cui ha bisogno nonostante l’orario un po’ sfortunato.

Il secondo motivo è che per la prima volta una delle tre grandi promotion che si spartiscono il mercato mondiale delle arti marziali miste (UFC la fa da padrone, poi ci sono Bellator e ONE che è leader incontrastato nel mercato asiatico) potrebbe avere un campione di nazionalità italiana. E la cosa avrebbe dei ritorni di immagine certamente importanti: l’anno scorso andò male ad Alessio Sakara che cedette di schianto a dicembre contro Rafael Carvalho per il titolo pesi medi di Bellator, adesso abbiamo un’altra grande occasione, stavolta nella categoria di peso più alta.

Mauro Cerilli (12-2-0 MMA) è nel momento migliore della sua carriera: il nativo di Terracina che si allena alla ormai famosa Gloria Fight Center (Di Chirico, Pedersoli, Di Segni, solo per citare “qualcuno”) a 35 anni ha appena conquistato il titolo Cage Warriors, promotion regina in campo europeo, triturando nell’ultimo match il nordirlandese Karl Moore dopo quindici secondi. Per un po’ di mesi abbiamo aspettato che arrivasse la chiamata nella UFC: Mauro l’avrebbe meritata, è senz’altro a livello dei migliori fighter del pianeta. Non è stato così, ma l’opportunità che gli concede la promotion asiatica non è da meno.

Davanti a lui ci sarà un ex fighter UFC, l’attuale campione Brandon Vera (15-7-1). Il fighter filippino-americano (di sangue anche italiano) nella promotion di Dana White ha militato dal 2005 al 2013 con un record di 8-7-1, affrontando nomi di assoluto rilievo come Frank Mir, Fabricio Werdum, Randy Couture, “Shogun” Rua. E’ stato campione WEC e ha vinto il titolo inaugurale ONE dei pesi massimi (in carriera ha combattuto anche nei massimi leggeri) difendendolo una sola volta, contro Hideki Sekine sempre a Manila.

Fare un pronostico? Molto difficile. Vera ha quarantuno anni e non combatte da quasi due, 2 dicembre 2016, mentre Cerilli è come detto al top della forma. L’italiano deve scontare circa 3 cm in altezza e forse qualcosa in allungo. Inoltre, fatto non trascurabile, nella categoria pesi massimi praticamente tutti gli incontri ballano sull’equilibrio del “KO power”: basta un colpo, uno solo, per chiudere la contesa. Entrambi sono ottimi striker, quindi molto dipenderà dalle condizioni del filippino, che se è in serata e in forma renderà la vita molto difficile all’italiano. E poi, detta come va detta, saremmo di parte.

Una cosa infatti è certa: noi e tutti gli appassionati italiani delle MMA saremo incollati allo schermo per tifare Cerilli in questo match per la gloria. Forza Mauro e forza Italia!

Le borse degli atleti impegnati al TUF27

Prima di UFC 226 si è tenuto il TUF27 che ha visto come protagonista il nostro Alessio Di Chirico.
Ecco tutte le borse degli atleti:

Israel Adesanya 162.000 $ (POTN)
Alex Caceres 134.000 $ (FOTN)
Martin Bravo 75.000 $ (FOTN)
Luis Peña 70.000 $ (POTN)
BRAD Tavares 56.000 $
Roxanne Modafferi 50.000 $
Alessio Di Chirico 36.000 $ (+3.600 $ della borsa di Marquez = 39.600 $)
Gerald Meerschaert 36.000 $
Mike Trizano 30.000 $
Brad Katona 30.000 $
Montana De La Rosa 24.000 $
John Gunther, Bryce Mitchell & Steven Peterson 20.000 $

UFC Fight Night Liverpool: Le pagelle

Non era un evento numerato, ok lo sappiamo. Ma oggi è stata una giornata importantissima per il movimento italiano delle MMA, peraltro in un evento svoltosi in Europa ed in cui c’era un main-event (sulla carta) di altissimo profilo. Per quanto concerne l’Italia, quella fuori dall’Ottagono, di strada da fare ce n’è ancora tanta: almeno se si considera che su Fox Sports la prestazione di “Semento” ha dovuto cedere spazio, nella diretta, a “I principi del biliardo”. Piano piano, ma ci arriveremo…


The long and winding road. Quella che porta alla diffusione delle MMA in Italia

Stephen Thompson 7:  Ha fatto tutto quello che doveva fare per vincere. Non gli è riuscito, forse a causa di fattori non del tutto sotto il suo controllo. Evasivo e scattante, imposta sul footwork ed i colpi d’incontro quasi tutto il match, andando a segno spesso e volentieri con calci e pugni pesanti. La differenza per il britannico si vede solo nell’ultimo round con quel knockdown, ma riesce a scongiurare il TKO con grande abilità. Prova a prendermi

Darren Till 7,5 **: Vince un match da fiorettista puro, in un incontro in cui l’insidiosissimo Thompson gioca come non mai all’acchiapparello. Lo crediamo bene, guardando la stazza dell’inglese. Probabilmente nel verdetto ha inciso anche il fatto che giocasse in casa. Adesso però per il Gorilla del Merseyside, ormai lanciato in chiave titolo, sarà il caso di fare un salto di qualità: perchè le possibilità di vittoria contro Woodley, in queste condizioni, potrebbero essere ridotte. Vezzali


Sì, li abbiamo rivisti…

Neil Magny 6,5: Vince facilmente contro un esordiente, ma era quasi scontato; il vero opponent era Nelson, ma sappiamo tutti com’è andata. La differenza è impietosa, nell’unico round disputato va a segno con più del 60% di colpi significativi. Fa il compitino, adesso però è ora di tornare alle cose serie, cioè Usman. Buon senso


Bonus impressione artistica per il nostro Riccardo Carfagna ***. Che non è un fighter direte voi, ma ci sta tutto perchè si è dimenticato le scarpe marcate da sponsor in albergo e si è presentato in ciavatte sull’ottagono. Più made in Italy di così…

Carlo Pedersoli Jr 8,5 *: Quando si parla di questo ragazzo, lo sapete, proprio noi non possiamo essere imparziali. Debutto sontuoso, bada al sodo con una vittoria in short-notice costruita con intelligenza. Il primo round forse lo perde, ma nei successivi due tira fuori il suo immenso bagaglio tecnico (cosa che non guasta, dato che si trovava in vetrina) e ribalta la contesa con striking chirurgico e ottimi takedown, su un avversario davvero insidioso. Entra sulle note di ‘Lo chiamavano Trinità’, ma a voler proprio essere precisi, lui è Bambino. Ha detto che affronterà chiunque, senza preferenze: noi gli crediamo. La mano sinistra del diavolo

*: Bonus sangue e arena +0,5

**: Premio della critica +0,5

***: Bonus impressione artistica +0,5

I messaggi di incoraggiamento di Vettori e Borella a Carlo Pedersoli Jr.

Ci siamo quasi, fra poche ore farà il suo debutto in UFC uno dei nostri portabandiera Carlo Pedersoli Jr.
Siamo molto fiduciosi per il suo debutto e sicuramente come noi, migliaia di italiani saranno incollati al teleschermo alle ore 17.30 (fight network canale 62 del digitale terrestre).
Anche i nostri altri connazionali in UFC ovviamente tiferanno Pedersoli e pronti sono arrivati i messaggi di incoraggiamento via social per Carlo.
Marvin Vettori scrive un serafico:

“In bocca al lupo al mio amico Carlo Pedersoli Jr per il suo debutto in UFC!”

Questo invece è l’augurio di Mara Borella:

“Oggi farai il tuo debutto in UFC, porta in altro il nostro tricolore.
Good vibes for you Carlo Pedersoli Jr.”

L’altro italiano in UFC invece è Alessio Di Chirico che , come ben saprete, è compagno di Team di Pedersoli e quindi sarà al suo angolo durante il match.
Ieri Manzo ha postato un bel messaggio che ci fa capire quanto quella del Gloria si una famiglia veramente unita:

Insomma , manca sempre meno. Forza Carlo! Forza Italia!

Questa sera a partire dalle 19.00 tutti a tifare Cerilli e Iovine

Questa sera, sabato 24 marzo, Mauro Cerilli entrerà in gabbia per difendere la cintura dei pesi massimi Cage Worrior, mentre Luca Iovine proverà a conquistare il titolo dei pesi gallo.
L’evento verrà trasmesso da Fight Network a partire dalle ore 19:00 (fino alla mezzanotte circa).
Mauro “The Hammer” Cerilli vs Karl Moore MMA
Luca “DUKE” Iovine vs Nathaniel ‘The Prospect’ Wood
Per l’occasione condividiamo con voi il bellissimo messaggio che l’amico e compagno di allenamenti di Cerilli , Alessio Di Chirico, ha postato sui propri profili social:

Mauro “The Hammer” Cerilli, ti ho conosciuto e ho scoperto che sei un campione dentro e fuori l’ottagono. Abbiamo sudato e lottato duramente per prepararci a tutto questo. Quella cintura te la sei guadagnata, stasera al Cage Warriors 92 difendila a martellate!
Daje Luca “DUKE” Iovine, prendiamoci tutto!

Forza Cerilli. Forza Iovine. Forza Italia.

Il giorno di San Valentino visto con gli occhi di chi ama le MMA

Quattordici febbraio, il giorno di San Valentino,  il giorno degli innamorati.
E visto che noi siamo follemente innamorati delle arti marziali miste, vogliamo condividere con voi alcuni ‘segni d’amore’ che ci sono venuti in mente in questa giornata così rossa (rossa d’amore , rossa di sangue).

Iniziamo con il bacio più famoso della storia delle MMA e cioè quello fra Anderson Silva e Chris Weidman alla vigilia del match valevole per il titolo pesi medi.
Col senno di poi, si può affermare con certezza che non si è trattato di vero amore ma, qualcosa di romantico comunque c’è stato.

 

Proseguiamo con un bacio più recente ma non meno sentito.
Romero dopo aver messo KO Rockhold viene spinto da un sentimento di profondo affetto verso il suo sfidante e mentre Luke non sembra ricambiare ‘l’amore’ del cubano, lui imperterrito va avanti per la sua strada.

Veniamo agli atleti di casa nostra perchè si sa, come amiamo noi italiani non ama nessun’altro al mondo.
Il nostro Manzo Di Chirico posta oggi un’immagine emblematica di come sta vivendo lui il giorno di San Valentino e noi, nel vederla, non possiamo far altro che apprezzare la fedeltà per il suo ‘grande amore’.

In ultimo vogliamo proporvi l’appello del nostro Cicerone per eccellenza, Alex Dandi, che tramite il proprio profilo facebook rinnova la sua promessa di amore eterno per le MMA.

Buon San Valentino a tutti!

UFC 219 con Vettori: orario di inizio e dove sarà trasmesso

Solo 5 giorni all’alba. Il 30 dicembre è un giorno molto importante per le MMA italiane: dopo i successi in UFC di Mara Borella e “Manzo” Di Chirico e gli altri ottimi risultati ottenuti da atleti italiani in altre promotion (unica nota stonata la sconfitta del nostro Alessio Sakara che comunque, a conti fatti, era da mettere in preventivo), il 2017 Si chiude con un evento numerato, UFC 219 alla T-Mobile arena di Las Vegas, il cui primo preliminare si aprirà con il nostro Marvin Vettori.

Un riconoscimento importante per il talento di Mezzocorona (2-1-0 UFC) che dimostra quanto la promotion creda nei talenti della nostra scuola. In occasione di questo evento abbiamo ricevuto, qualche giorno fa, una bella notizia: tutto l’evento, dagli early prelims al main event, saranno trasmessi su Fox Sports (canale 204 sky) con il commento di Alex Dandi. Oppure su Skygo al medesimo canale se non vi trovate a casa e volete seguirlo da un dispositivo abilitato o dal pc (iOS pari o superiore ad 8, Android pari o superiore a 4.4, Windows 8.1 e 10). La diretta comincerà alle 1:30 in Italia, quindi nella notte fra 30 e 31 dicembre, e ci sarà subito Marvin, già certo del rinnovo con la promotion regina, a tentare di allungare la sua serie positiva nel record professionale.

Nel secondo preliminare, da vedere l’incontro per i pesi leggeri Hooker-Diakiese, mentre nella main card avremo cinque incontri di altissimo profilo, anche se resta da definire un incontro (Rivera non ha l’avversario a causa del doppio  forfait di Cruz e Lineker), con gli interessanti Nurmagomedov vs Barbona nei Leggeri e Cyborg vs Holmes per il titolo Piuma femminili. Insomma, una card molto appetibile, a nostro avviso utilissima anche per chi volesse scegliere di avvicinarsi a questo sport proprio assistendo a questa maratona che si preannuncia lunghissima (dalle 1:30 per almeno sei ore successive). 

Per la prima volta i tre italiani in UFC intervistati insieme

La UFC è sempre più terra di conquista per noi italiani, con ben tre portabandiera nostrani che stanno a dir poco ben figurando nella promotion più famosa al mondo.
Proprio ieri per la prima volta Alessio Di Chirico, Mara Romero Borella e Marvin Vettori si sono incontrati presso lo studio dentistico Panzolato (specialista nel fabbricare paradenti per fighter) e ovviamente non è mancata occasione da parte di una rete televisiva locale di porgere alcune domande ai tre campioni.
Di seguito vi proponiamo il video delle interviste nelle quali si evince che Vettori punta alla cintura entro il 2019 , Borella è entusiasta di rappresentare il mondo femminile in uno sport che ha sempre rappresentato un taboo per le donne e Di Chirico non teme nessuno se non se stesso!